Nuoto, Assoluti Riccione 2016: Paltrinieri e Detti guidano la pattuglia azzurra al maschile


Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti (foto Fin/DeepBlueMedia)

Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti (foto Fin/DeepBlueMedia)

Dal 19 al 23 aprile a Riccione andranno in scena uno degli eventi più attesi dallo sport italiano in primavera ovvero i Campionati Assoluti di nuoto valevoli per la qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016. Una nazionale azzurra che si mostrerà al mondo, reduce dall’ottimo 2015 condito dalle 5 medaglie dei Mondiali Kazan (1 oro, 3 argenti e 1 bronzo) e dalle strepitose 17 medaglie degli Europei di vasca corta di Netanya (7 ori, 5 argenti e 5 bronzi). Rassegne che hanno messo in evidenza un movimento particolarmente in salute ed in crescita che promette risultati importanti in vista di questi Assoluti.

 – STILE LIBERO: Focalizziamo la nostra analisi dal settore maschile e non possiamo che iniziare dai gemelli diversi della vasca, vale a dire Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti. I due atleti allenati da Stefano Morini vengono da una stagione dagli esiti quasi antitetici: Greg trionfatore in Russia con l’oro iridato  nei 1500 metri stile libero nonché argento negli 800 metri alle spalle del cinese Sun Yang,  ed autore del record del mondo (14’08″06) nella stessa specialità nei campionati continentali in Israele togliendo il primato ad una leggenda come Grant Hackett; Detti bloccato da problemi fisici e costretto a saltare Kazan si ritrova negli Europei menzionati con un argento ed un bronzo rispettivamente nei 1500m (14’18″00) e nei 400m (3’37″22 nuovo primato italiano). Una chiusura in crescendo quella del livornese che domina i campionati tricolore invernali nello stile libero (vittorie dai 200 metri ai 1500 metri) siglando il proprio personale nei 400m (3’46″46) e un ottimo crono nei 1500m (14’53″93). Nel primo assaggio di 2016, nel tradizionale meeting di Milano, il percorso a braccetto dei due amici della piscina italiana prosegue. Paltrinieri stampa un incredibile 14’40″61, visto il periodo di preparazione (secondo solo al tempo di Mack Horton ai Trials australiani in 14’39″54), con relativa facilità e Detti lo segue in 14’48″86 (quarta prestazione dell’anno), nuovo primato personale di quasi 5 secondi. Toscano che poi si ripete anche nei 400 metri, nuotando ad un solo decimo dal personale in un momento di pieno carico. Pertanto i presupposti per un miglioramento sensibile da parte della coppia ci sono tutti e siamo in trepidante attesa di ciò che il carpigiano ed il livornese saranno capaci di fare. Sarà in grado Greg di migliorare il tempo di Horton? Riuscirà Gabriele ad avvicinarsi allo storico primato di Massimiliano Rosolino nei 400m? Stile libero che però non vivrà solo delle imprese dei nuotatori citati ma anche della velocità con un Luca Dotto ritrovato, in grado di ottenere crono importanti sui 100m a chiosa del 2015 (48″34) ed a Milano siglando 48″77. Una resurrezione quella di Dotto a cui è seguita l’infezione virale di cui è rimasto vittima l’altro alfiere azzurro Marco Orsi il quale molto probabilmente non prenderà parte ai Campionati Italiani. preparandosi per Rio seguendo un programma di recupero ben preciso. Giovani come Alessandro Miressi e il ritorno di Luca Leonardi potrebbero essere le novità dell’edizione 2016. E’ giusto, inoltre, non dimenticarsi di Andrea Mitchel D’Arrigo, talento mai del tutto esploso del mezzofondo che, reduce dai dei discreti campionati NCAA negli States, lancia il proprio guanto di sfida a Detti nei 400m. Vedremo se il giovane italo-americano sarà in condizione di lottare spalla a spalla con l’allievo di Morini.

CLICCA SU PAGINA 2 PER CONTINUARE A LEGGERE

Lascia un commento

Top