Moto2, GP Americhe 2016: Zarco per emulare il 2015, Morbidelli simbolo della voglia di riscatto italiana

Motomondiale-Johann-Zarco-FB.jpg

A Termas de Rio Hondo il Campione del Mondo in carica della Moto2, Johann Zarco, è tornato sul podio – l’anno scorso furono 14 su 18 gare! – riscattando il deludente 12° posto di Losail; il francese ha riproposto a fine gara il suo marchio di fabbrica, il backflip, disputando una prova autoritaria e precedendo sotto la bandiera a scacchi un ottimo Sam Lowes. Terzo, il ventiduenne tedesco Jonas Folger.

I primi due appuntamenti iridati della Moto2 2016 hanno visto sei piloti diversi sul podio, si arriverà a nove ad Austin? Dominique Aegerter, Alex Rins, Danny Kent e il nostro Franco Morbidelli, su tutti, sperano vivamente di sì. Ma non sarà facile, la concorrenza è più che mai agguerrita. Un anno fa, in Texas, Zarco arrivò secondo, conquistando il primo podio dei quattordici consecutivi a seguire; l’attuale leader del Mondiale, Thomas Lüthi, vorrà tornare sul podio domenica, dopo l’opaco settimo posto di Termas de Rio Hondo. Nei suoi due precedenti delle Americhe lo svizzero è arrivato sesto e dodicesimo.

Il vincitore 2015 della tappa statunitense, Sam Lowes, sarà sicuramente un altro dei pretendenti più accreditati al gradino più alto del podio; il britannico ha iniziato ad essere molto competitivo con la sua Kalex e, dopo le prime due uscite stagionali, si è confermato candidato credibile alla conquista dell’iride. In pochi avrebbero previsto il malese Hafizh Syahrin, dopo i primi due GP, alla quarta piazza della generale; “The Fish” (già noto il suo feeling con le piste bagnate…) può essere di nuovo protagonista ad Austin, ma anche nell’intero Campionato della cilindrata 600cc.

Di tutti i piloti sulla griglia di partenza, Alex Rins è forse tra quelli maggiormente alla ricerca di uno stato forma che fu (Mondiale 2015). Finora lo spagnolo ha ottenuto, nell’ordine, un ottavo e un quarto posto, nonostante il suo ritmo sia stato sempre molto buono, spesso più veloce dello stesso Zarco…

Chiusura per gli italiani. In Argentina, discreti il 10° posto di Mattia Pasini e il 13° di Lorenzo Baldassarri, al rientro dopo lo stop forzato causa doppia lussazione alla spalla. Male gli altri azzurri: 18° Luca Marini, 20° Simone Corsi, 27° Alessando Tonucci; mentre un discorso a parte merita il “grande deluso” Franco Morbidelli. Nel GP qatariota dell’esordio il romano, giunto secondo al traguardo, è stato penalizzato di 20 secondi per start anticipato, finendo retrocesso in settima posizione. A Termas de Rio Hondo, un altro “colpo basso”: in lotta per il podio, è caduto nelle battute finali della gara. In classifica, Morbidelli è ora undicesimo, già a 25 punti dalla vetta, pur avendo dimostrato a più riprese di essere un pilota da vertice…

L’appuntamento con le sfide in pista della classe cadetta si rinnoverà venerdì 8 aprile alle 17:55 ore italiane, quando prederanno il via le prime prove libere del Gran Premio delle Americhe 2016.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: pagina FB Johann Zarco

Lascia un commento

Top