Judo, Grand Prix Samsun 2016: cinque ori per la Francia, diciotto titoli consecutivi per Riner


Judo Teddy Riner

Il Grand Prix di Samsun 2016 rappresentava il quintultimo torneo valido per le qualificazioni olimpiche a Rio 2016, mettendo in palio 300 punti per i medagliati d’oro, 180 per i secondi classificati e 120 per i medagliati di bronzo.

A dominare la competizione è stata la Francia, che ha ottenuto cinque medaglie d’oro, tre d’argento ed una di bronzo, oltre a quattro piazzamenti ai piedi del podio. Il protagonista assoluto, come da pronostico, è stato Teddy Riner, che ha preso parte al suo primo torneo del 2016, vincendo il titolo della massima categoria di peso, al +100 kg. Il gigante di Pointe-à-Pitre ha dichiarato di aver preso parte al torneo per preparare al meglio i prossimi Campionati Europei, dove tenterà di conquistare il quinto titolo continentale in carriera. Intanto, il campione olimpico ha ottenuto il suo diciottesimo oro consecutivo negli altrettanti tornei internazionali ai quali ha preso parte dal 2011 in poi, senza mai perdere neppure un incontro.

Per il resto, la Francia ha monopolizzato ben tre finali femminili: tra le 57 kg, Hélène Receveaux ha sconfitto Automne Pavia in una sfida che aveva il sapore di uno spareggio per la qualificazione olimpica, mentre le giovani Marie Ève-Gahié (70 kg) e Madeleine Malonga (78 kg) hanno superato le più esperte e decorate Fanny-Estelle Posvite ed Audrey Tcheuméo. Margaux Pinot, infine, ha ottenuto la sua prima medaglia d’oro nella categoria 63 kg, nella quale combatte da quest’anno.

Tra le altre nazionali, la Corea del Sud ha ottenuto due medaglie d’oro nonostante una partecipazione ridotta, con Kim Lim-Hwan che si è imposto tra i 66 kg e Kim Ji-Youn che ha conquistato il successo nella massima categoria di peso femminile, la +78 kg. Al terzo posto nel medagliere troviamo invece la Turchia padrona di casa, che ha ottenuto una doppietta fra i 60 kg, dove Bekir Özlü, judoka di origine georgiana, ha superato Ahmet Şahin Kaba.

Presente con sette atleti, l’Italia si è dovuta accontentare di un trentaseiesimo posto nella classifica per nazioni, a pari merito con Serbia e Bosnia-Erzegovina. Un risultato dovuto all’unico piazzamento di rilievo, il settimo posto ottenuto da Antonio Esposito nella categoria 73 kg. Non sono arrivati segnali confortanti, invece, dagli atleti che si trovano più direttamente in lotta per la qualificazione olimpica (due vittorie per Antonio Ciano tra gli 81 kg, una per Domenico Di Guida tra i 100 kg e per Andrea Regis tra i 73 kg, eliminazione al primo incontro per Elio Verde tra i 66 kg), dei quali analizzeremo la situazione nei prossimi giorni.

CLICCA SU PAGINA 2 PER IL MEDAGLIERE DEL GRAND PRIX DI SAMSUN 2016

Lascia un commento

Top