Hockey su ghiaccio, Mondiali femminili 2016: l’Italia si salva ai rigori! Evitato l’inferno in extremis

Chelsea-Furlani-hockey-su-ghiaccio-foto-pagina-fb-IIHF-WC-Asiago-Roberta-Strazzabosco.jpg

La vittoria all’esordio contro la Cina, la successiva sconfitta contro l’Olanda ai rigori e, poi, tanta sfortuna che aveva proiettato l’Italia in una situazione davvero complicata nei Mondiali di hockey su ghiaccio femminili terminati questa sera all’Odegar di Asiago.

Per blindare il posto in Prima Divisione-Gruppo B le azzurre erano chiamate a ottenere due punti nel match finale contro il Kazakistan e l’impresa, complicata proprio dalle vittorie pomeridiane di Olanda e Cina, sembrava francamente ardua.

E invece le ragazze di Marco Liberatore hanno sfoderato una prestazione aggressiva, tirando 47 volte verso la gabbia delle kazake contro le sole 17 conclusioni delle giocatrici ospiti, hanno pareggiato con Valentina Bettarini nel terzo drittel l’iniziale vantaggio di Olga Konysheva e si sono imposte agli shootout grazie alla marcatura decisiva di Chelsea Furlani, MVP azzurra del torneo.

Così l’Italia ha chiuso al quarto posto il Mondiale di casa vinto dall’Ungheria con 12 punti e in cui l’Olanda è risultata retrocessa in Seconda Divisione.

Italia-Kazakistan 2-1 SO (0-0, 0-1, 1-0, 0-0, 1-0)
32:50 Konysheva (0-1), 45:28 Bettarini (1-1), Furlani rigore decisivo (2-1)

Classifica finale:
Ungheria 12 punti
Lettonia 9
Kazakistan 7
Italia 6
Cina 6
Ungheria 5

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook IIHF WC Asiago/Roberta Strazzabosco

Lascia un commento

Top