Giro di Romandia 2016, il percorso: sei tappe di salite e cronometro per corridori da grandi giri

CJpfBGJWcAEa4CK1-e1436887213884.jpg

Siamo arrivati ad uno dei classici appuntamenti pre Giro d’Italia:  il Giro di Romandia. L’edizione 2016 della kermesse svizzera si correrà dal 26 aprile al 1 maggio. La corsa inizierà con un prologo di 3,95 chilometri, animato da uno strappo a metà percorso, sulle strade di La Chaux-de-Fonds, sede di partenza anche della seconda tappa, che presenta un solo Gran premio della Montagna, ma pone dinanzi al gruppo diversi saliscendi negli ultimi 50 km. Tuttavia l’arrivo è pianeggiante, al termine di una ripida discesa.

A decidere la corsa però, al netto di clamorose sorprese, saranno le tre frazioni successive con i due arrivi in salita a MorginsVillars-s/Ollonla e con la cronometro di 15 chilometri a Sion. La terza tappa si conclude, come detto, a Morgins. Arrivo in salita, al termine di un’ascesa di circa 10 km con pendenza media del 7 %. Dopo 24 ore spazio alla cronometro di Sion, che presenta una salita al km 9. Trittico terribile che si conclude con la frazione clou. Tre Gran premi della Montagna di prima categoria che ci faranno conoscere il successore del russo Ilnur Zakarin nell’albo d’oro. A concludere la corsa una frazione di 172 chilometri con arrivo a Ginevra, passerella adatta ai velocisti..

GIRO DI ROMANDIA – LE TAPPE

26 aprile Prologo, La Chaux-de-Fonds 3,95 km
27 aprile 1ª tappa, La Chaux-de-Fonds – Moudon 166,9 km
28 aprile 2ª tappa, Moudon – Morgins 173,9 km
29 aprile 3ª tappa, Sion 15,1 km (cronometro individuale)
30 aprile 4ª tappa, Conthey – Villars-s/Ollon 173,2 km
1 maggio 5ª tappa, Olion – Genève 172 km

Foto: Twitter Sky

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

Tag

Lascia un commento

Top