Giro di Romandia 2016: il maltempo condiziona il prologo. Vince Izagirre, bene Moser

Ciclismo-Alejandro-Valverde-Ion-Izagirre-Movistar-Team-Twitter.jpg

Prima pioggia, poi addirittura neve. Il maltempo continua a perseguitare il World Tour di ciclismo: siamo passati dal Belgio alla Svizzera, dalla Liegi-Bastogne-Liegi al Giro di Romandia, ma le condizioni sono sempre estreme. Nel prologo di La Chaux-de-Fonds di 3.95 km a trionfare è Jon Izagirre. Lo spagnolo della Movistar sfrutta una finestra di tempo discreto e chiude con il crono di 5”33, andando fortissimo nella breve salita posta dopo due chilometri, ma soprattutto volato nella discesa successiva. Per l’iberico ovviamente anche il simbolo del primato da difendere a partire da domani.

Seconda posizione per il grande favorito della vigilia: Tom Dumoulin (Giant Alpecin). L’olandese è partito sul finale e, nonostante la pioggia, è riuscito a chiudere a soli 6” dalla vetta. Terzo un ottimo Michal Kwiatkowski (Team Sky) a 7”. Chiudono la top-5 Geraint Thomas e l’altro Izagirre, Gorka. Migliore degli azzurri un grande Moreno Moser, sesto: il corridore della Cannondale riesce a portarsi in testa in attesa dei più forti, ma comunque può esultare per una bellissima performance in vista del Giro d’Italia.

In chiave classifica finale il migliore degli scalatori è Tejay Van Garderen, nono, di pochissimo davanti a Thibaut Pinot. Non male anche Nairo Quintana, a 16”, mentre ha pagato molto le curve posizionate sul percorso Chris Froome, che ha chiuso oltre la 50ma piazza.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter Movistar

Lascia un commento

Top