Giro delle Fiandre 2016: le pagelle della corsa. Sagan straordinario, Cancellara chiude in bellezza

12321560_10154213050624873_6602427041682056488_n1.jpg

La corsa di un giorno più attesa dell’anno ha mantenuto le sue aspettative: spettacolo straordinario sui muri del Giro delle Fiandre, con Peter Sagan che conquista il suo primo successo in una monumento. Andiamo a rivivere la gara con le pagelle.

Peter Sagan, voto 10: semplicemente il migliore. Corre nelle prime posizioni sin dall’inizio della gara, si fa trovare pronto prima sull’accelerazione di Trentin e Cancellara e, poi, sullo scatto decisivo di Kwiatkowski. Tira tantissimo per raggiungere i fuggitivi e guadagnare sul gruppo, fa staccare l’ex campione del mondo sul Kwaremont e Vanmarcke sul Paterberg, con delle sparate eccezionali. Gli ultimi dieci chilometri in solitaria sono una passerella, conclusa con il monoruota all’arrivo. Trionfo splendido in maglia iridata. Arriva finalmente ciò che gli mancava: un successo in una monumento. E non è finita qui…

Fabian Cancellara, voto 8: gran gara, per la sua ultima recita in una delle corse preferite (vinta tre volte). Lo svizzero corre bene nella prima metà di corsa, ma si lascia colpevolmente sorprendere dallo scatto di Sagan e Kwiatkowski, apparso all’inizio azzardato. Sul Kwaremont sembra la solita Locomotiva, recupera 15” in solitaria sulla vetta, ma manca qualcosa per riprendere Sagan. Il saluto all’arrivo è comunque emozionante.

Sep Vanmarcke, voto 7,5: grandissima prova contro la sfortuna. Primi cento chilometri davvero incredibili: due cadute ed una foratura. Tiene alta la concentrazione, rientra in gruppo e comincia tutta un’altra gara. Riesce in modo incredibile ad agguantare Sagan e Kwiatkowski, si attacca alla coppia di campioni iridati 2014/2015 e tiene il ritmo. Il Paterberg gli è fatale, ma alla fine conquista un ottimo piazzamento alle spalle di due campioni.

Alexander Kristoff, voto 6: mai visto sui muri, riesce a rientrare sul finale nel gruppetto alle spalle dei fuggitivi e a far valere il suo sprint, che gli vale però solo un quarto posto. Deludente la prova del campione uscente.

Luke Rowe, voto 7,5: il migliore di uno squadrone del Team Sky. Tra due fenomeni come Kwiatkowski e Thomas, ne esce la sorpresa Rowe, che coglie il miglior piazzamento della carriera, un gran quinto posto al Fiandre.

Imanol Erviti, voto 9: prestazione clamorosa da parte dello spagnolo della Movistar. In fuga sin dalla prima ora, l’iberico riesce a gestire le proprie energie e a contenere la rimonta dei favoriti. Passato da Sagan e dalla coppia Cancellara/Vanmarcke, rifiata nel gruppo degli inseguitori e chiude al settimo posto un Fiandre fantastico.

Matteo Trentin e Daniel Oss, voto 6: prestazione sufficiente per i due azzurri che provano a farsi vedere a 50 chilometri dall’arrivo, ma non riescono a conquistare un piazzamento eccellente.

Gianni Moscon e Federico Zurlo, voto 7: i migliori azzurri. Il primo, al debutto da professionista nella Ronde, aiuta al meglio il suo Team Sky ad aumentare il ritmo nella prima parte. Il secondo centra la fuga, impresa tutt’altro che semplice in una corsa simile.

Tiesji Benoot e Greg Van Avermaet, s.v.: troppa sfortuna per i due belgi, caduti a più di cento chilometri dal traguardo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: FB Team Sky

Lascia un commento

Top