Giro dei Paesi Baschi 2016: Cummings finisseur eccellente. Italiani piazzati

CdW4m6NW4AE14LD1.jpg

Ancora lui: Steven Cummings. Il prototipo di finisseur: come aveva già fatto in una tappa del Tour de France l’anno scorso, e di recente alla Tirreno-Adriatico, il britannico della Dimension Data ha anticipato il gruppo con una sparata negli ultimi 800 metri nella terza tappa del Giro dei Paesi Baschi. Mantiene la maglia di leader Mikel Landa.

Cinque corridori sono andati all’attacco nelle prime fasi di gara: Kadri, Denifl, Goncalves, Oomen e Teklehaimanot. La loro fuga però non è riuscita ad arrivare al traguardo, anche a causa di un accordo non eccezionale. Negli ultimi 30 chilometri Denifl e Oomen hanno provato ad andar via in coppia, mentre alle loro spalle si sono scatenati gli attacchi nel gruppo. Primo a provarci è stato Michael Albasini (Orica GreenEdge), che ha creato un gruppetto che comprendeva il suo compagno di squadra S.Yates, Pierre Rolland (Cannondale), Laurens De Plus (Etixx Quick Step), Daniel Navarro (Cofidis) ed anche il nostro Dario Cataldo (Astana). Loro sono stati i primi a raggiungere gli attaccanti della prima ora. Lo spagnolo della Cofidis ha provato sull’ultima ascesa in solitaria, ha guadagnato 15” sugli inseguitori, senza però riuscire a fare il vuoto. Il gruppetto si è riunito ai 2 dall’arrivo, ma all’ultimo chilometro ha chiuso il buco il plotone. Negli ultimi ottocento metri è partito Steven Cummings (Dimension Data) che ha beffato il gruppo. Seconda posizione per Simon Gerrans, davanti ad un trio di italiani: Fabio Felline, Giovanni Visconti e Gianluca Brambilla.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter Tirreno Adriatico

Lascia un commento

Top