Freestyle, moguls: un titolo ed una squalifica per Laffont ai Mondiali junior

Freestyle-mondiali-junior-FIS.jpg

Già vincitrice di due titoli mondiali junior lo scorso anno, la giovane Perrine Laffont era l’atleta più attesa anche in questa edizione della rassegna iridata giovanile di moguls, tenutasi sulle nevi svedesi di Åre. L’atleta che quest’anno ha anche vinto in Coppa del Mondo non ha tradito le aspettative, andando a vincere la gara di moguls con un punteggio finale di 81.56, precedendo la statunitense Jess Johnson (74.18) e la connazionale Léa Bouard (72.69). Favorita anche nella gara di dual moguls, Laffont è stata invece squalificata per un ritardo alla partenza: la francese, infatti, sarebbe arrivata poco dopo lo scadere del tempo limite a causa di un inconveniente occorso ad una sua compagna di squadra. I giudici avevano in un primo momento accettato di farla gareggiare, per poi squalificarla dopo il primo turno.

Il titolo di dual moguls è andato così alla giapponese Hinako Tomitaka, vincitrice in finale su Léa Bouard, che ha comunque offerto una nuova medaglia alla Francia. La sua compagna Camille Cabrol, invece, ha chiuso ai piedi del podio dopo la sconfitta con la statunitense Berkley Brown.

Proprio gli atleti degli Stati Uniti hanno dominato al maschile, con Hunter Bailey (77.05) che ha vinto la specialità olimpica davanti allo svedese Walter Wallberg (76.37) ed al compagno di nazionale Joel Hedrick (75.66). Un altro atleta a stelle e strisce, Emerson Smith, ha raggiunto la finale di dual moguls, dove è stato battuto dal canadese Laurent Dumais. Bronzo per il kazako Pavel Kolmakov, che ha estromesso dal podio un ennesimo statunitense, Jack Kariotis.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagini: FIS Freestyle Skiing

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top