Boxe, preolimpico Europeo 2016: Guido Vianello sfiora l’impresa, ma si arrende a Majidov

Guido-Vianello-Boxe-Pagina-FB-FPI-1.jpg

Guido Vianello sfiora la grande impresa, ma viene beffato dai giudici nei quarti di finale del preolimpico europeo di boxe a Samsun, in Turchia. Il 21enne romano combatte ad armi pari con l’azero Mahammadrasul Majjdov, campione del mondo dei supermassimi nel 2011 e 2013, e cede solo per split decision.

Un verdetto che lascia diversi dubbi nel presidente federale Alberto Brasca: ‘Il verdetto non mi convince del tutto. Il match è stato sicuramente equilibrato, ma Vianello ha fatto vedere qualcosa in più dell’azero. L’azzurro ha disputato una prestazione eccezionale. Sono comunque fiducioso che Vianello non solo si qualificherà, ma farà la sua figura a Rio“.

Rammaricato anche l’head coach Raffaele Bergamasco: “Vianello è stato grande, sono amareggiato per il verdetto, ma felicissimo per la prestazione. Guido ha perso la prima ripresa, ma vinto nettamente la seconda. Il terzo round è stato il più equilibrato e la giuria ha premiato Majidov forse per la continuità dei colpi. Spero che possa rifarsi nel prossimo torneo, ma di sicuro Vianello è il futuro della squadra olimpica italiana in questa categoria. Vista la giovane età può ancora fare tanto“.

Vianello dovrà puntare ora a vincere il preolimpico mondiale in programma a Baku (Azerbaijan) nel mese di giugno, dove si assegnerà l’ultimo pass a cinque cerchi (resta da chiarire se, eventualmente, il laziale possa prendere parte anche al torneo riservato ai pugili APB ed WSB ad inizio luglio, avendo vestito la casacca degli Italia Thunder nella passata stagione).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@oasport.it

Foto: FPI

Lascia un commento

Top