Beach volley. World Tour 2016, Fuzhou. GRANDE ITALIA! Nicolai/Lupo in finale!!!

lupo-nicolai-23.4.2016.jpg

E’ ancora finale, la seconda del 2016, per Paolo Nicolai e Daniele Lupo che, al termine di una sfida spettacolare contro gli spagnoli Herrera/Gavira, conquistano l’atto conclusivo dell’Open di Fuzhou in programma alle 10.35 contro gli inossidabili statunitensi Dalhausser/Lucena.

“Solita” rimonta (2-1) per gli azzurri e prova di grande solidità fisica e psicologica per la coppia italiana che sembra essere tornata ai livelli di due anni fa quando proprio da queste parti seppe regalare alla nostra nazione le prime due vittorie nel World Tour. Un mix di intelligenza tattica, efficacia al servizio (fondamentale contro gli spagnoli), a muro (Nicolai strepitoso nel tie break) e anche in attacco dove Daniele Lupo si è fatto valere alla grande: questa la ricetta che ha permesso agli azzurri di superare i trionfatori di Xiamen.

Nel primo set partenza a razzo degli spagnoli che si trovano avanti 8-4 sfruttando anche qualche errore degli azzurri che però recuperano e al time out tecnico sono sotto di un solo punto (11-10). Herrera/Gavira fanno valere la difesa e con qualche contrattacco vincente si riportano avanti 17-13 e non si fanno più riprendere (21-17). In avvio del secondo set cambia la musica con la coppia italiana subito avanti (5-2). Herrera/Gavira restano in scia fino al 9-8 poi Nicolai/Lupo forzando il servizio mandano in tilt gli avversari e piazzano il break decisivo (7-3) e si trovano avanti 16-11. Gli spagnoli tengono il cambio palla fino al 17-14, poi un altro 4-0 per gli azzurri chiude il set: 21-14.

Il primo break del terzo set è significativo: muro di Nicolai per il 4-2 Italia. Herrera/Gavira non mollano un centimetro e si riportano in parità (5-5) ma un altro muro stratosferico di Nicolai riporta l’Italia a +2 (8-6). Gli iberici hanno la forza per pareggiare a quota 10 e per portarsi in vantaggio (11-10 e 12-11) ma qui l’Italia innesta il turbo. Attacco di Lupo, terzo muro impressionante di Nicolai e errore di Herrera che con la nocca mette fuori di un soffio (14-12). Lo stesso Herrera conquista il cambio palla ma al secondo match ball Lupo non dà scampo agli avversari e mette a terra un diagonale imprendibile per il 15-13 conclusivo che schiude le porte della finale gli azzurri. Nell’altra semifinale tutto più facile per gli statunitensi Dalhausser e Lucena che impiegano un set per prendere le misure ai lettoni Samoilovs/Smedins, vincendo in volata 21-19, poi dominano il secondo parziale (21-13) conquistando la seconda finale del 2016, la quarta della stagione (se si contano le due dell’ultima parte del 2015).

La finale per il bronzo Herrara/Gavira-Samoilovs/Smedins è in programma alle 9.35, la finalissima si disputa alle 10.35. Questo il link per poter assistere alla finale in diretta: https://youtu.be/a6gO-PpIAp4

Prestazione deludente e sconfitta netta, invece, per Marta Menegatti e Viktoria Orsi Toth che ancora una volta fermano la loro corsa agli ottavi di finale con un nono posto che non compromette nulla in chiave qualificazione Rio ma che brucia per il modo in cui è arrivata. Nella sfida con le tedesche Laboureur/Sude le azzurre hanno quasi rinunciato a combattere facendosi superare in modo piuttosto netto con un 2-0 che non lascia spazio a discussioni. Avvio problematico per le italiane con le tedesche avanti da subito e Menegatti/Orsi Toth incapaci di reagire (21-13). Meno arrendevoli le azzurre nel secondo set che comunque vede sempre Laboureur/Sude avanti fino al 21-18 che chiude il match. Ancora una volta l’urna non ha dato una mano a Menegatti/Orsi Toth che per la terza volta consecutiva si trovano di fronte una delle due coppie  tedesche impegnate nella lotta per la conquista di un posto a Rio e dunque in grandissima forma in questo momento della stagione ma, sfortuna a parte, la coppia italiana deve fare un ulteriore salto di qualità se vuole presentarsi competitiva a Rio.

Così gli altri ottavi di finale: Walsh/Ross (Usa)-Kessy/Day (Usa) 2-0 (21-10, 21-17), Lane/Summer (Usa)-Liliana/Elsa (Esp) 2-1 (21-18, 17-21, 15-10), Xue/Xia (Chn)-Gallay/Klug (Arg) 0-2 (20-22, 19-21), Forrer/Vergé-Dépré (Sui)-Ukolova/Birlova (Rus) 2-0 (21-17, 21-17), Fendrick/Sweat (Usa)-Lehtonen/Lahti (Fin) 1-2 (21-13, 18-21, 12-15), Heidrich/Zumkehr (Sui)-Holtwick/Semmler (Ger) 2-1 (19-21, 21-17, 15-11), Borger/Büthe (Ger)-Schwaiger/Hansel (Aut) 0-2 (22-24, 16-21).

Così i quarti in campo alle 8: Lane/Summer (Usa)-Walsh/Ross (Usa), Forrer/Vergé-Dépré (Sui)-Gallay/Klug (Arg), Heidrich/Zumkehr (Sui)-Lehtonen/Lahti (Fin), Schwaiger/Hansel (Aut)-Laboureur/Sude (Ger).

Lascia un commento

Top