Atletica: Kipruto e Tusa si impongono nella Maratona di Roma; Zanardi primo nelle handbike

Maratona-di-Roma.jpg

La vittoria di Amos Kipruto


Consueto dominio africano alla 22a Acea Maratona di Roma; la vittoria va al keniano Amos Kipruto in campo maschile, mentre tra le donne a tagliare per prima il traguardo è l’etiope Rahma Tusa.

Kipruto era uno dei favoriti e, sullo splendido percorso della capitale, trionfa in 2h08’12”, un tempo più che discreto; alle sue spalle, ma gravato di più di un minuto di distacco l’etiope Birhane Achamu, mentre completa il podio l’altro atleta degli altipiani Dominic Ruto.

Come sempre gli africani hanno messo in chiaro le cose già dai primi chilometri, componendo una sinfonia che ha visto la conclusione in Via dei Fori Imperiali. Tutti i primi 10 al traguardo sono etiopi e keniani, il primo “straniero” è il nostro Martin Dematteis, 11° in 2h18’20”, il trentino, specialista della corsa in montagna si è detto soddisfatto della sua prima maratona, rivolgendo una commovente dedica al figlio Matteo, prematuramente scomparso l’anno scorso.

Tra le ragazze il successo etiope di Tusa si è materializzato in 2h28’49”, un netto dominio che ha visto la seconda classificata, la connazionale Duru Muru Melka finirle con 1’10” di scarto; il terzo posto se lo aggiudica l’algerina Dahmani Kenza in 2h33’53”.

Quarta con un crono di 2h38’20” la bergamasca Giovanna Epis, prima delle azzurre e delle “non africane”, due posizioni più dietro Anna Alberti in 2h47’49”.

Va assolutamente segnalato il successo di Alex Zanardi, l’ennesimo, nella prova delle handbike.

QUI TUTTI I RISULTATI UFFICIALI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.pessoni@oasport.it

Foto: Twitter Maratona di Roma

Lascia un commento

Top