Atletica, doping: a cinque anni di distanza Elisa Rigaudo diviene bronzo mondiale

elisa-rigaudo2.jpg

La squalifica della russa Olga Kaniskina, campionessa del mondo a Daegu 2011, porta con sè la notizia della “promozione” al terzo posto della nostra Elisa Rigaudo nella gara dei 20km di marcia.

La piemontese, infatti, finì ai piedi del podio in Corea del Sud e ora, per effetto retroattivo, mette al collo la medaglia di bronzo, completando così il tris dello stesso metallo, aggiungendo l’alloro mondiale a quello olimpico di Pechino ed a quello europeo di Goteborg.

Senza ombra di dubbio non è la stessa cosa ricevere la medaglia “dalla casella della posta”, per riprendere una definizione della corregionale Stefania Belmondo, ma Elisa, ancora in attesa della comunicazione ufficiale, si è dichiarata “orgogliosa di quanto fatto a Daegu, al rientro dopo la prima maternità, anche se le modalità sono un pò tristi”.

Per il neobronzo mondiale l’obiettivo a breve termine è la rassegna iridata a squadre di Roma, per poi planare su Rio de Janiero ad agosto.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.pessoni@oasport.it

Lascia un commento

Top