Tennis, Coppa Davis 2016: la Svizzera ai raggi X priva dei suoi assi nella sfida di Pesaro

marco-chiudinelle-twitter.jpg

Dopo aver analizzato la squadra azzurra (clicca qui per saperne di più) nel dettaglio passiamo agli avversari nella sfida di Pesaro, programmato dal 4 al 6 marzo e valevole per il primo turno del World Group di Coppa Davis 2016.

Una formazione rossocrociata priva dei suoi fenomeni Roger Federer e Stanislas Wawrinka. Il primo in recupero da un’operazione al menisco mentre il secondo assente per aver programmato la propria stagione esclusivamente nei tornei del World ATP Tour. Due defezioni che chiaramente agevolano sensibilmente il compito dell’Italia viste le convocazioni del capitano Severin Luthi: Henri Laaksonen (n.174 Atp), Marco Chiudinelli (n.146), Adrien Bossel (317) ed Antoine Bellier (561). Andiamo dunque ad analizzare le caratteristiche ed i risultati dei giocatori svizzeri presenti per il confronto di Davis:

MARCO CHIUDINELLI

Il numero 1 svizzero per questo incontro, 34 anni e nel circuito PRO dal 2000, vanta come miglior posizione nel ranking la 52. Un tennista di medio livello spesso nel tabellone delle qualificazioni dei tornei più importanti ATP e vincitore del recente Challenge di Wroclaw  (15 febbraio 2016), conquistando un titolo dopo 7 anni di digiuno,  e finalista a Manila e Segovia negli ultimi eventi a cui ha preso parte.

Pertanto un giocatore in un buono stato di forma che però in Davis ha uno storico decisamente negativo: 7 vittorie e 16 sconfitte. Un riferimento al passato che riguarda l’Italia è relativo all’ultimo confronto tra azzurri e rossocrociati di Ginevra con la vittoria di Federer compagni. In quel caso Chiudinelli in coppia con Wawrinka ebbe la meglio sul duo nostrano Simone Bolelli-Fabio Fognini.

HENRI LAAKSONEN

Il numero 2 della squadra svizzera è un giocatore di media fascia che orbita spesso nel circuito di Challenge per ottenere  punti importanti e restare nei primi 200 giocatori del mondo. Il risultato migliore è la vittoria del torneo di Champaign, datato novembre 2015,  nello Stato dell’Illinois (Usa) in finale contro il giovane padrone di casa Taylor Fritz. Da segnalare, all’inizio del 2016, la qualificazione al secondo turno di Memphis e poco altro nel pedrigree del rossocrociato. Tuttavia, andando a valutare l’andamento in Davis, la musica cambia: 5 vittorie ed 1 sconfitta il bilancio di Laaksonen.  Successi che quindi ne fanno un tennista pericoloso nel contesto della sfida per nazioni e non da sottovalutare.

ADRIEN BOSSEL

Numero 317 della classifica mondiale ha come miglior riscontro una semifinale nel torneo Challenge di Winnetka. Best ranking nel 2015 (262) è stabile attorno alla trecentesimo posto nelle graduatoria. Il 29 enne di Friburgo ha un andamento in Davis molto deficitario fatto di due incontri  e due ko rimediati sia nel singolare che in doppio.

ANTOINE BELLIER

Il più giovane del gruppo rossocrociato, classe ’96, è alla sua prima apparizione in Davis. Attualmente numero 561 del mondo, Bellier si è aggiudicato i tornei di rango minore in Germania e Svizzera e mostrando nei Future ottimi numeri.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: profilo twitter Marco Chiudinelli

Lascia un commento

Top