Tennis, Coppa Davis 2016: Italia vola ai quarti di finale. Bolelli-Seppi demoliscono la coppia svizzera

12791000_10153861643532534_4465523006255623975_n.jpg

Possiamo dirlo ufficialmente: l’Italia vola ai quarti di finale di Coppa Davis 2016. Dopo i patemi d’animo della giornata di ieri e le vittorie molto sofferte di Paolo Lorenzi e Andreas Seppi, oggi è arrivato il punto decisivo dal doppio costituito dal citato Seppi e Simone Bolelli che ha avuto la meglio sulla coppia svizzera Marco Chiudinelli/Henri Laaksonen per 6-3 6-1 6-3 in 1 ora e 46 minuti di gioco. Un successo importante per la squadra di Corrado Barazzuti che si qualifica, come detto, ai quarti dovendo aspettare l’esito della sfida tra la Polonia e l’Argentina. Con la vittoria alla Adriatic Arena di Pesaro si allunga anche la striscia positiva di Davis della nostra rappresentativa che non perde in casa da 7 anni (ultima sconfitta proprio contro la Svizzera a Genova dove però era presente Roger Federer).

Un match condotto in grande scioltezza dal duo azzurro praticamente mai in sofferenza contro il doppio rossocrociato. Tanti gli errori degli svizzeri nel corso dell’incontro e una scarsa conoscenza dei giusti movimenti hanno favorito i nostri portacolori che invece, reduci anche dal successo nell’ATP di Dubai, hanno messo in luce la loro grande intesa. Nel primo set, dopo un inizio equilibrato, la grande efficacia in risposta di Seppi fa la differenza portando il break nel sesto gioco. Da questo momento, grazie ad un Bolelli, molto consistente al servizio, l’Italia gestisce i propri turni in battuta dovendo annullare una sola palla break nel nono game e conquistando la frazione 6-3.

Nel secondo parziale, il controllo si fa autentico dominio. Ben tre break ottenuti da Andreas e Simone in cui è Laaksonen protagonista in negativo sul rosso di Pesaro: poco avvezzo alle dinamiche del doppio e spesso in ritardo sulla palla costringe il povero Chiudinelli a dover giocare praticamente da solo. Una condizione molto favorevole per Seppi e Bolelli che approfittano della situazione infilando una serie di sei giochi a zero valsa il set (6-1) in poco più di 30′.

Nella terza e decisiva frazione la Svizzera tenta una reazione ponendo fine ad una fase di rottura prolungata costata qualcosa come 7 giochi. Tuttavia, nel sesto gioco, la netta superiorità dei tennisti nostrani si tramuta in un nuovo break che manterranno fino al termine della sfida. Un 6-3 che consegna le chiavi dell’incontro a Simone ed Andreas.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Supertennis

Lascia un commento

Top