Strade Bianche 2016: le ambizioni degli italiani. Vincenzo Nibali punta alla vittoria

Vincenzo-Nibali-Ciclismo-Ufficio-Stampa-Giro-di-Lombardia-RCS.jpg

Si disputa sabato la prima vera classica stagionale, anche se non presente nel calendario del World Tour. Da Siena a Siena, passando per tantissimi tratti di strada sterrata: la Strade Bianche, una delle corse più affascinanti di questo inizio di annata. Lista di partenza di livello mostruoso, presenti tantissimi azzurri che vogliono rovinare la festa al campione del mondo Peter Sagan o al vincitore uscente Zdenek Stybar. Andiamo a vedere le ambizioni dei nostri rappresentanti.

Un nome su tutti: Vincenzo Nibali. Il percorso sembra adattissimo alle sue caratteristiche, ma non è mai riuscito ad esprimersi al meglio, vista anche la forma che, spesso e volentieri, non è al massimo ad inizio stagione. Quest’anno sembra essere però tutto diverso: il trionfo al Tour of Oman ci ha fatto scoprire un nuovo Nibali, pronto ad avere diversi picchi di forma in questo 2016. Il campione italiano vuole far gioire la folla presente sulle strade toscane.

Gli altri azzurri potrebbero essere outsiders di lusso. A partire da Oscar Gatto, sesto nel 2015 e già in palla nelle prime corse con la sua nuova squadra, la Tinkoff, ma che ovviamente in primo piano dovrà aiutare il suo compagno Sagan. Diego Ulissi non ha mai convinto del tutto su queste strade: sarà capitano della sua Lampre Merida ed è reduce da performance confortanti; che il primo successo di questo 2016 arrivi a sorpresa a Siena? Ci proveranno anche due corridori esperti come Davide Rebellin e Damiano Cunego, rispettivamente capitani di CCC e Nippo-Vini Fantini. Difficile giocarsi il podio, ma cercheranno qualcosa per mettersi in mostra anche Andrea Fedi (Southeast), Sonny Colbrelli (Bardiani CSF) ed Enrico Battaglin (Lotto NL Jumbo).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Ufficio Stampa Giro di Lombardia RCS

Lascia un commento

Top