Sci Alpino, Max Blardone: “Mi ritiro dopo 16 anni di agonismo e chiudo essendo al top. Grazie a tutti!”

sci-alpino-massimiliano-blardone-fb-blardone.jpg

All’età di 36 anni e dopo 16 stagioni nel Circo Bianco il gigante di St. Moritz è stato l’ultimo atto della prestigiosa carriera di Max Blardone, accolto al termine della sua discesa dall’abbraccio della sua famiglia presente al completo per l’occasione. Una carriera fatta di  7 vittorie e 25 podi complessivi in 153 apparizioni in Coppa del mondo, un ottavo posto come miglior piazzamento alle Olimpiadi di Salt Lake City nel 2002 e due quinti posti nei Mondiali di St. Anton 2001 e Val d’Isère 2009, che lo eleggono nel gotha dello sci azzurro.  “Non sembra possibile dopo 16 anni che sia giunto questo momento – ammette Max –  Dopo una lunga carriera è arrivato il momento di abbandonare pure per me, certamente non è facile ma il mio fisico mi dice che è giusto anche se sono ancora competitivo come dimostra il podio di febbraio a Naeba. Sono contento di avere coonquistato il terzo posto in Giappione perchè sono riuscito a dedicarlo alla mia famiglia, credo sia stato il podio più importante della carriera. Ho avuto la fortuna di gareggiare al fianco di campioni assoluti come Von Gruenigen, Raich, Pinturault, Hirscher e i norvegesi, penso di avere dato il mio contributo alla causa. Sul mio casco ho scritto in inglese “never give up”, ossia non mollare mai, che è sempre stato il mio credo sportivo. Mi sono sempre presentato al cancelletto con l’idea di provare a vincere, forse questo ha fatto la differenza. Nel corso degli anni ho commesso probabilmente qualche errore, probabilmente a causa di qualche spigolosità nel mio carattere, ma l’ho fatto perchè sono sempre stato scrupoloso. Per il futuro ci sono tanti progetti, potrei creare una scuola di sci in cui gli allievi che vanno bene a scuola possono andare avanti anche a sciare, oppure rimanere ancora in questo mondo per dare qualche consiglio ai giovani. Ho annunciato l’addio in Alta Badia perchè è la pista che mi ha regalato le più grandi gioie, non volevo farlo all’ultima gara. Mi sono goduto la stagione, oggi parte una nuova vita, mi godrò mia moglie Simona e i miei figli Alessandro e Ginvera. Grazie a tutti”. (fonte Fisi).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Max Blardone

Lascia un commento

Top