Sci Alpino, Coppa del Mondo: Brem vince a Jasna, l’Italia sorride con Brignone e Bassino

Brignone-Sci-Alpino-Pier-Colombo.jpg

Aveva ipotecato il successo nella prima manche ed Eva Maria Brem non ha sbagliato nella seconda, gestendo il vantaggio sulle avversarie ed imponendosi nel gigante di Jasna. Terzo successo in Coppa del Mondo per l’austriaca, che si conferma leader della specialità e si avvicina alla conquista della coppetta.

Attualmente la nativa di Schwaz ha un vantaggio di 52 punti su Viktoria Rebensburg. La tedesca si è resa protagonista di una seconda manche sensazionale, che l’ha portata a rimontare addirittura dieci posizioni rispetto alla prima prova. Alla fine sono stati solo 27 i centesimi (Brem aveva un vantaggio di 1.96) a distanziarla da una vittoria che avrebbe avuto la fisionomia di una vera e propria impresa.

Grande prestazione della squadra azzurra in quel di Jasna. Federica Brignone sale sul podio per la sesta volta in stagione (cinque in gigante), chiudendo al terzo posto a 52 centesimi dalla Brem. Una bella seconda manche della milanese, che rispetto alla prima ha deciso di attaccare un po’ di più e di essere meno precisa. Una scelta che certamente ha pagato e ha permesso all’azzurra di confermarsi tra le migliori al mondo di questa specialità.
Risultato entusiasmante anche per Marta Bassino, quinta a 1.29 dalla testa della classifica. Si tratta del miglior risultato in carriera per la giovane azzurra, che nella prossima stagione potrebbe vivere la definitiva consacrazione di un talento cristallino e che si esprime bene anche in altre specialità.

Perde due posizioni rispetto alla prima prova Lara Gut, che si classifica al quarto posto a 79 centesimi. La svizzera resta fuori dal podio, ma si consola immediatamente con la conquista di 50 punti che le permettono di superare Lindsey Vonn e di ipotecare la sua prima posizione nella classifica generale di Coppa del Mondo.

Protagoniste di belle rimonte anche la canadese Marie-Michele Gagnon e la norvegese Ragnhild Mowinckel, sesta e settima dopo aver recuperato rispettivamente otto e dieci posizioni. Ottavo posto per la giovane austriaca Stephanie Brunner, al suo miglior risultato in carriera, che sa tanto di conferma per una ragazza che ha dominato in Coppa Europa.

Le belle notizie per l’Italia si completano con il nono posto di Irene Curtoni. Tre italiane nelle dieci e Manuela Moelgg dodicesima, segnale di come la squadra azzurra sia davvero fortissima in gigante e va ricordato che nella prima manche tra le prime trenta erano scese anche Nadia Fanchini, Francesca Marsaglia, Sofia Goggia ed Elena Curtoni, che oggi hanno vissuto solamente una giornata negativa.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 Foto di Pier Colombo

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top