Scherma: torna la Coppa del Mondo con il Grand Prix di Fioretto a L’Avana

errigo-di-francisca-bizzi-federscherma.jpg

Dopo due settimane di pausa, che hanno visto scendere in pedana prima tutte le armi a livello nazionale per la seconda prova di qualificazione agli Assoluti di Roma 2016 e poi i Cadetti e i Giovani negli Europei di categoria a Novi Sad, la Coppa del Mondo di scherma è pronta a ripartire.

Lo farà con il fioretto, impegnato a L’Avana (Cuba) per il secondo Grand Prix della stagione, quindi senza prove a squadre. Un appuntamento decisivo per la qualificazione olimpica di alcune atlete – tra cui non rientrano le azzurre, già certe del pass da fine novembre – e, al maschile, la giusta occasione per dare continuità al terzo posto di Daniele Garozzo ottenuto ad Algeri, appena il secondo dell’anno dopo quello di Lorenzo Nista a Torino.

Reduce dal successo algerino, Elisa Di Francisca proverà a inseguire il bis sulle pedane di Cuba in cui ha vinto nel 2015. L’olimpionica, con l’avvicinarsi di Rio 2016, sta salutando i malanni fisici per confermare il titolo vinto a Londra nel 2012. L’altra azzurra qualificata per i Giochi è Arianna Errigo, argento a Cinque Cerchi in carica, terza ad Algeri dietro a un’ottima Martina Batini (reduce da due podi di fila, le manca solo il gradino più alto) e pronta a lanciare la volata verso il Brasile con l’amica/rivale di mille battaglie.

Per incontrarsi nell’eventuale finale, però, le due fuoriclasse italiane dovranno modificare da qui all’estate le proprie posizioni nel ranking. Errigo è infatti al momento seconda, Di Francisca terza: per ora si profilerebbe un derby in semifinale. L’avvicendamento più probabile è quello Inna Deriglazova-Errigo tra primo e secondo posto: 12 i punti di differenza.

Terzo ad Algeri, Daniele Garozzo ottenne lo stesso risultato un anno fa proprio a L’Avana. Campioni del mondo in carica con la squadra, gli azzurri – qualificati per Rio 2016 – non hanno brillato a livello individuale in questa prima parte di stagione, racimolando come già analizzato solamente due podi in tutte le gare fin qui disputate. Andrea Cassarà, leader del gruppo per esperienza e carisma, è stato frenato da un lungo problema fisico al braccio armato. Il siciliano Garozzo, talento emergente già sbocciato nel 2014-2015, ancora non gode della continuità dei grandi campioni. Ma è giovane e lavora per conquistarla. A Cuba potrebbe arrivare un altro tassello di crescita.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

Tag

Lascia un commento

Top