Rugby, Sei Nazioni 2016 – Galles-Italia, le pagelle degli azzurri: si salvano in pochi

galles-italia.jpg

L’Italia si è arresa 67-14 con il Galles nell’ultimo match del Sei Nazioni 2016. Andiamo a scoprire le pagelle degli azzurri.

15 David ODIETE (voto 5.5): l’estremo azzurro gioca 80’ di grande grinta e nel finale va a segnare una meta da sogno, purtroppo vanificata da un fuorigioco. Oggi però troppi errori per lui; la non abitudine a continue sfide di questo livello si è fatta sentire, ma rimane una nota positiva di questo torneo.

14 Leonardo SARTO (voto 6): coinvolto nella giornata di sofferenza dei nostri trequarti, resta in campo 80’ provando a dare costanza alle percussioni e dando un discreto contributo in mischia.

13 Andrea PRATICHETTI (voto 5): si infortuna dopo 36’, nei quali affonda sotto la tremenda pressione gallese.

12 Gonzalo GARCIA (voto 6,5- Il Migliore): se in mischia e difesa vale il discorso dei suoi compagni di reparto, è più propositivo nel gioco e prima è decisivo nella meta di Palazzani, successivamente si merita di mettere a segno la seconda nella parte finale della gara.

11 Mattia BELLINI (voto 5): l’Italia perde lui 2’ prima dell’infortunio a Pratichetti, a conferma di un’annata storta sotto tutti i punti di vista. L’impegno non basta all’ala sinistra del Petrarca.

10 Tommaso ALLAN (voto 6): gli azzurri non gestiscono quasi mai palla, soprattutto nel primo tempo, ragion per cui il gioco fa fatica a fluire dal nostro numero 10. Sale di tono nella ripresa con due ottimi off-load e un buon lavoro in difesa.

9 Guglielmo PALAZZANI (voto 5): non basta la meta da lui conclusa al 55’ per garantirgli la sufficienza. Il mediano di mischia delle Zebre è quasi inesistente in mischia e trova anche un evitabile cartellino giallo al 19’, nel momento in cui il Galles inizia a straripare..

8 Sergio PARISSE (voto 5.5): il capitano infonde la consueta grinta alla nazionale di Brunel, ma questa volta nemmeno lui è esente da imprecisioni. La superiorità gallese fa il resto.

7 Alessandro ZANNI (voto 5): il flanker azzurro perde i duelli coi corrispettivi Dragoni e non riesce a dare consistenza alla mischia italiana.

6 Francesco MINTO (voto 5): discorso simile vale per il nostro numero 6, travolto dalla superiorità fisica e atletica dei rossi di Cardiff.

5 Valerio BERNABO’ (voto 5): spesso in ritardo nei placcaggi, nonostante la grinta soccombe spesso, lascia il campo ad inizio ripresa.

4 Quentin GELDENHUYS (voto 5.5): la difesa azzurra è aggressiva, ma non basta contro la mischia avversaria, ciononostante l’oriundo prova a non capitolare a difesa dell’area di meta

3 Martin CASTROGIOVANNI (voto 5): l’talo-argentino lo conosciamo bene, l’impegno e la voglia ci sono sempre, oggi si trova però in una situazione difficile da risolvere e di suo non spicca sugli altri

2 Davide GIAZZON (voto 4): due errori gravissimi in touche che spianano la strada ai nostri avversari ad inizio partita, poi fatica tantissimo a riprendersi.

1 Andrea LOVOTTI (voto 5.5): il pilone azzurro mette sempre il suo fisico in mischia, ma anche lui deve inchinarsi alla maggior qualità gallese.

 

 

16 Oliviero FABIANI (voto 5.5): subentra a Giazzon al 7’ del secondo tempo, commette meno errori, ma è comunque in costante difficoltà.

17 Matteo ZANUSSO (voto 5.5): un quarto d’ora scarso per Lovotti, prestazione molto simile

18 Dario CHISTOLINI (voto 5.5): rileva Castrogiovanni al 47’, cercando di dare solidità alla prima linea, ci riesce parzialmente

19 Jacopo SARTO (voto 6): al debutto internazionale sostituendo Bernabò se la cava con anche alcune accelerazioni interessanti

20 Abraham STEYN (voto 6): meno di 20’ di gioco tuttavia positivi, con una bella palla “rivitalizzata” in azione d’attacco, anche se, ovviamente, quando il Galles molla un pochino.

21 Alberto LUCCHESE (voto 5.5): gioca solo l’ultimo quarto d’ora al posto di Palazzani, senza farsi particolarmente notare

22 Kelly HAIMONA (voto 6): entra già nel primo tempo al posto di Pratichetti; ha il merito di 2 calci piazzati nella ripresa

23 Luke MC LEAN (voto 4.5): il suo ingresso avviene dopo l’infortunio di Bellini, assolutamente a disagio nel ruolo, viene subissato dagli avversari.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.pessoni@oasport.it

Foto: Twitter Wales Rugby Union

Lascia un commento

Top