Rugby, Sei Nazioni 2016: DIRETTA LIVE Irlanda-Italia 58-15 risultato finale. Azzurri sotterrati da 9 mete!

Parisse_Rugby_Fotosportit_Fir-e1454587748781.jpg

Buongiorno e benvenuti alla Diretta Live di Irlanda-Italia, quarta giornata del Sei Nazioni 2016 di rugby. Non è stato finora un torneo esaltante per i verdi, che hanno ottenuto un pareggio e due sconfitte finora. Ciò nonostante, agli azzurri servirà una vera e propria impresa per riuscire a portare a casa un risultato positivo da Dublino. Il ct Brunel si affida ad una mediana inedita per la Nazionale, ma collaudatissima nelle Zebre: Guglielmo Palazzani ed Edoardo Padovani. Sarà cruciale il lavoro di Lovotti, Giazzon e Cittadini in prima linea, settore dove l’Italia, in controtendenza rispetto al passato, ha sofferto molto nelle prime giornate. Appuntamento alle 14.30 per l’inizio del match. Buon divertimento!

LA FORMAZIONE DELL’ITALIA

Clicca F5 per aggiornare la pagina

 

PARTITA CONCLUSA: Italia subissata dall’Irlanda in quella che è la peggior sconfitta del XV azzurro nella storia del Sei Nazioni in terra d’Eire. Nel secondo tempo gli uomini di Schmidt passeggiano nella metà campo azzurra, sfruttando numerosi errori difensivi, in particolare nel placcaggio. A nulla servono le due mete di Odiete, il migliore dell’Italia e Sarto contro lo strapotere avversario, che di mete realizza ben 9. Il cucchiaio di legno è già in tavola, vista la prossima trasferta in Galles…

80′. Ovale che rimane sollevato e la partita FINISCE. IRLANDA-ITALIA 58-15

80′. Irlanda ancora in attacco, vogliono la meta numero 10.

79′. Facile conversione di Madigan, 58-15.

78′. Scappa via McFadden che va a marcare la 9. meta irish, ancora un errore in placcaggio della nostra difesa. 56-15.

77′. Irlanda in attacco, la partita vive i suoi ultimi scorci, senza particolari emozioni.

75′. Il calcio di Haimona non entra, primo errore dello stesso in questo torneo.

74′ CONFERMATA LA META, non c’è in avanti, 51-15

74′ META DI SARTO!!!! Ma il TMO deve confermare, pregevole apertura di Odiete.

73′. Punizione per l’Italia, con McLean che calcia in touche.

72′. Punita la mischia azzurra per “tallonamento” di Steyn, torna l’ovale in possesso dei nostri avversari.

71′. Lovotti rimpiazzato da Zanusso.

70′. Entriamo nei 22 per la seconda volta nella ripresa.

69′. Avanzano gli uomini di Brunel, ma non si guadagna campo, dopo ben 13 fasi d’attacco.

66′. Prima ola di un pubblico irlandese, molto silente quest’oggi, troppo facile battere l’Italia o troppo ben abituati negli ultimi anni?

65′. E’ ormai una sofferenza assoluta questa partita, ogni volta che il XV dell’isola di smeraldo avanza, nasce una meta, sono già 8 a nostro sfavore.

64′. Madigan stesso al calcio, che prende il palo. Irlanda-Italia 51-10.

63′. Pressione irlandese con sei fasi d’attacco e arriva la meta di Madigan. 51-10.

62′. Confermato, non c’è meta, mentre fioccano i cambi con il secondo debutto italiano, quello di Lucchese.

62′. Questa volta con chiara superiorità numerica, l’Irlanda non sfrutta una palla rubata. Meno male….

60′. Scatto d’orgoglio dell’Italrugby, la meta del nostro numero 15 arriva dopo una bella apertura di Palazzani.

58′. Mentre Haimona, entrato da 5′, trasforma, si sentono i tifosi azzurri sulle tribune. 46-10 Irlanda

57′. FINALMENTE!!!! META DI ODIETE!!! Prima meta azzurra del match.

56′. Attacca l’Italia a un passo dalla meta.

55′. Debutta Oliviero Fabiani in maglia azzurra.

54′. Meta in mezzo ai pali, tre in meno di un quarto d’ora, il che rende semplice la trasformazione centrale, messa a segno da Madigan, 46-3 Irlanda.

53′. Settima meta irlandese, con Cronin….mamma mia che botta oggi!!!

51′. Ancora punizione per i nostri avversari e siamo di nuovo nei 15 metri azzurri…

50′. Mentre escono Sexton e Best ora dobbiamo dimostrare orgoglio altrimenti sarà un disastro totale!

48′. TRACOLLO AZZURRO! Altra meta in mezzo ai pali della mischia irlandese. Sexton a segno, 39-3….

47′. Sexton va in touche dopo una punizione irlandese, ovviamente vogliono stravincere per regalare soddisfazione al pubblico dell’Aviva Stadium.

45′. Prova ad attaccare la formazione di Brunel che però ha commesso errori inaccettabili a questo livello. Non basta come alibi l’infortunio delle seconde linee.

43′. META NUMERO 5 IRLANDA…. E’ Payne a sfruttare un buco centrale azzurro. Trasforma Sexton centralmente, e siamo 32-3 per l’Irlanda.

SI RIPARTE! Calcio d’inizio per l’Irlanda.

FINE PRIMO TEMPO. Un’Irlanda di buon livello, ma non eccelso, affonda come la lama nel burro in una difesa azzurra che manca diversi placcaggi e commette errori imperdonabili, come Sarto sulla prima meta del XV di casa. In attacco non facciamo male e le ripartenze verdi ci puniscono in continuazione, per fortuna Sexton manca 3 calci su 4, ma ci vorrà un’altra Italia nella ripresa per riaprire il match.

41′. Sulla mancata trasformazione (e 3…) di Sexton, si chiude la prima frazione di gioco, Irlanda-Italia 25-3

40′ MERAVIGLIOSA META IRLANDESE! La conclude Heaslip, dopo una splendida azione tecnica e fisica iniziata da una magia di Zebo. Applausi agli uomini di Schmidt, ma difesa azzurra imbarazzante. 25-3.

39′. Ci prova con un calcio a seguire Campagnaro, mark di Zebo ad anticipare gli avanti azzurri.

38′. Giazzon placca al collo un avversario e ovale consegnato ai nostri avversari.

37′. Steyn fermato a 5 metri dalla meta, portato fuori lateralmente.

36′. Turnover e palla recuperata dai verdi, si fa male anche Biagi, rilevato da Steyn, primo tempo da dimenticare in tutti i sendi per il XV azzurro.

34′. Punizione in touche di Padovani, siamo ai  2 metri dalla linea di meta irlandese.

31′. Johnny Sexton fallisce! Irlanda avanti 20-3, secondo errore del No.10 dei verdi.

30′. Meta di Stander con un’azione corale di grande livello. 20-3…

29′. Libera l’Italia con Zanni e allontana il pericolo.

28′. Ancora fase d’attacco verde, gran calcio di Sexton che porta i padroni di casa a 2 metri dalla linea di meta, con rimessa azzurra.

27′: Fuser non ce la fa, entra Quentin Geldenhuys per l’Italia.

26′. Sexton centra i pali, Irlanda-Italia 15-3

25′. Proteste irlandesi che vogliono il giallo per Parisse, è solo calcio di punizione, centrale da lunga distanza.

23′. PADOVANI TRASFORMA! Parisse sceglie i pali e primi 3 punti italiani. 12-3 Irlanda

22′. Bella azione azzurra, con la mediana Padovani-Palazzani protagonista, poi calcio di punizione per l’Italia.

20′. Metà primo tempo, 12-0; l’Italia in attacco, ma fatica a guadagnare porzioni di campo. Esce Trimble, sanguinante, sostituito da McFadden tra i padroni di casa.

19′. Dopo un calcio in laterale di Palazzani, l’Eire recupera qualche metro, ma ora gli azzurri sembrano aver preso la misura. Come non detto, rimessa sbagliata.

18′. Mischia ad introduzione azzurra a metà campo, dopo un bel recupero di Fuser.

17′. Dopo un discreto avvio azzurro, Trifoglio padrone del campo in ogni zona, ma troppi errori dell’Italia.

16′. Facile trasformazione di Sexton, 12-0 Irlanda.

15′. Confermata la meta di McGrath!

15′. Meta di mischia Irlanda! Si aspetta la valutazione del TMO.

14′. Piove sul bagnato in casa Italia, l’arbitro chiama Parisse per il terzo fallo di Zanni, risparmiato poi dal cartellino giallo; punizione per l’Irlanda che va in touche.

13′. Gioco fermo, problemi per Best, che riprende ed effettua la rimessa nei nostri 22.

11′. Irlanda di nuovo in attacco, ma veramente incredibile l’errore di Sarto che ci penalizza subito nelle prime battute.

8′: Sexton sbaglia , Irlanda-Italia 5-0.

6′. FOLLIA DI SARTO che manda in meta l’Irlanda, con un passaggio pallavolistico all’indietro, incredibile. 0-5

5′. Gli azzurri sbagliano una rimessa laterale con Giazzon e l’Irlanda avanza nella nostra metà campo.

4′. Dopo una rimessa per gli azzurri, fallo italiano e mischia ad introduzione irish

3′. META SFIORATA dall’Italia, fermato Biagi con piede fuori dalla linea laterale

2′. Italia nella metà campo verde, dopo un calcio di punizione per noi

1′. L’Irlanda è la detentrice del trofeo, che ha vinto anche nel 2014

Inizio: Calcio d’avvio per gli azzurri, dirige il giovane australiano Gardner

14.30: l’Italia si affida ad una mediana praticamente al debutto con Padovani e Palazzani, il primo alla terza presenza in nazionale; va ricordata, infatti, l’assenza di Carlo Canna

14.28: Sventolio di bandiere verdi del trifoglio, dopo la discutibile esecuzione di un motivo normalmente da brividi

14.27: Come sempre, dato che l’Irlanda di rugby è unita, si suona anche l’inno della nazionale irlandese di rugby. Ireland’s Call

14.26: Tocca ora ad Amhràn na bhFiann (The soldier’s song) inno della Repubblica d’Irlanda

14.25: Viene eseguito l’inno d’Italia in uno stadio strapieno con qualche presenza tricolore

Ora il XV azzurro:

15  David Odiete; 14 Leonardo Sarto, 13 Michele Campagnaro, 12 Gonzalo Garcia, 11 Mattia Bellini; 10 Edoardo Padovani, 9 Guglielmo Palazzani; 8 Sergio Parisse (cap.), 7 Alessandro Zanni, 6 Francesco Minto; 5 Marco Fuser, 4 George Biagi; 3 Lorenzo Cittadini, 2 Davide Giazzon, 1 Andrea Lovotti. CT: Jacques Brunel

Panchina: 16 Oliviero Fabiani, 17 Matteo Zanusso, 18 Dario Chistolini, 19 Quentin Geldenhuys, 20 Abraham Steyn, 21 Alberto Lucchese, 22 Kelly Haimona, 23 Luke McLean.

14.23: Ecco la formazione ufficiale dell’Irlanda:

15 Zebo; 14 Trimble, 13 Payne, 12 Henshaw, 11 Earls; 10 Sexton (cap.), 9 Murray; 8 Heaslip, 7 Van der Flier, 6 Stander; 5 Toner, 4 Ryan; 3 Ross, 2 Best, 1 Mc Grath. CT: Schmidt

Panchina: 16 Cronin, 17 Bealham, 18 White, 19 Dillane, 20 Ruddock, 21 Marmion, 22 Madigan, 23 McFadden

14.22: Michael Higgins, presidente della Repubblica d’Irlanda, accompagnato dal presidente della federazione irlandese di rugby, saluta le squadre

14.21: Solo una volta l’Italia ha vinto in terra d’Eire, 19 anni fa, nel vecchio Landsdowne Road, sulle cui ceneri è stato costruito l’attuale stadio

14.20: I precedenti sono decisamente di marca irlandese, nel Sei Nazioni solo una volta li abbiamo battuti e all’Olimpico

14.16: L’Irlanda al momento ha un solo punto in classifica, ma rimane largamente favorita; nelle altre partite ha sempre venduto cara la pelle

14.15: Manca un quarto d’ora all’inizio di Irlanda-Italia del Sei Nazioni 2016, si va riempendo l’Aviva Stadium di Dublino

14.10: 20 minuti all’inizio del match.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Fir

Tag

Lascia un commento

Top