Pentathlon, terza tappa Coppa del Mondo 2016. Gli scenari unici della ‘Roma olimpica’ pronti ad ospitare i migliori atleti del globo

Sotero.jpg

Dal 30 marzo al 3 aprile, Roma sarà teatro della terza prova di Coppa del Mondo 2016 di pentathlon moderno. Dopo le tappe del Cairo e Rio de Janeiro, dove gli azzurri hanno conquistato due ori (uno individuale con Claudia Cesarini, l’altro nella staffetta mista con Lavinia Bonessio e Auro Franceschini), i migliori pentatleti del globo tornano in gara a caccia di punti preziosi per la qualificazione olimpica. La gara, infatti, assegnerà punti per il ranking che poi assegnerà 8 carte maschili e 8 femminili.

All’appuntamento di Roma, organizzato dalla Federazione Italiana Pentathlon Moderno, parteciperanno 183 atleti in rappresentanza di 33 nazioni; 26 gli azzurri pronti a dare battaglia, tra prove individuali e staffetta mista, inclusi Riccardo De Luca e Alice Sotero, i due italiani già qualificati per i Giochi. E lo faranno in casa, nella Città Eterna, candidata ad ospitare le Olimpiadi del 2024, in alcuni degli impianti che ospitarono la rassegna a cinque cerchi del 1960.

L’evento inizierà domani con la gara di qualificazione femminile, in cui le pentatlete, suddivise in tre gruppi, gareggeranno per conquistare i 36 posti della finale di venerdì 1° aprile. Giovedì 31 sarà il turno delle qualificazioni maschili, con i pentatleti a caccia dei 36 posti per la finale di sabato 2 aprile. Domenica 3, infine, si svolgerà la finale a staffetta mista (un uomo e una donna per ciascuna nazione).

Gare che si prevedono dunque molto spettacolari, sia per il campo partenti di primissimo livello, sia per gli impianti sportivi in cui si terranno le gare: si respirerà aria olimpica. Gli assalti della scherma si svolgeranno nella Sala delle Armi di viale delle Olimpiadi, il nuoto andrà in scena nella Piscina dei Mosaici del Foro Italico, l’equitazione e la combinata nella Caserma Salvo D’Acquisto di via di Tor di Quinto.

Le tre finali del 1°, 2 e 3 aprile saranno trasmesse in live streaming sul canale ufficiale della UIPM (www.uipmtv.org), mentre una sintesi in differita sarà successivamente trasmessa su RaiSport, digitale terrestre.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: FIPM

 

Lascia un commento

Top