Nuoto, Arena Pro Swim Series 2016: vittorie agevoli per Ledecky e Phelps. Si rivede D’Arrigo

Michael-Phelps-2-nuoto-foto-pagina-fb-phelps.jpg

Sono sempre loro due, Katie Ledecky e Michael Phelps, i protagonisti del nuoto a stelle e strisce. Nella prima sessione di finali delle Arena Pro Swim Series di Orlando, i cannibali statunitensi vincono agevolmente le proprie gare e si prendono la scena, più mediaticamente che grazie al cronometro, rispettivamente con un 1’55”73 nei 200 stile libero (1’56”75 in batteria) e un 52”28 nei 100 farfalla.

Mi sento beneha detto a caldo la 17enne quattro volte campionessa del mondo che in Florida privilegerà i 100 sl al mezzofondo, in cui è praticamente imbattibile -. Sto lavorando su qualche dettaglio in virata e sono felice che si andato tutto bene“. Ledecky, che a gennaio è scesa per la prima volta in carriera sotto l’1’55” (1’54”43 ad Austin), è la grande favorita per l’oro olimpico nella specialità amata da Federica Pellegrini. Dietro s’è messa il bronzo iridato Missy Franklin, 1’57”67, e la vincitrice di Londra 2012 Allison Schmitt, 1’58”18. Una delle tre rimarrà fuori da Rio 2016 dopo i Trials di fine giugno/inizio luglio.

Successo in volata, invece, per lo Squalo di Baltimora. Il 18 volte campione olimpico è più veloce di Tom Shields nella prima vasca (24”62), ma per poco non subisce il rientro del rivale e mette la mano davanti per appena sette centesimi. Oggi, a sorpresa, Phelps nuoterà anche i 100 dorso e i 200 rana. Nelle altre finali di giornata, Yulia Efimova timbra il miglior crono nell’anno nei 100 rana (1’05”70), mentre l’Italia ottiene un sesto posto nei 200 stile libero – vinti da Connor Dwyer in 1’46”96 – con il redivivo Andrea Mitchell D’Arrigo. Quarto in batteria in 1’49”83, l’ex medagliato europeo letteralmente sparito dalla scena nell’anno di Kazan si migliora e chiude in 1’49”66, coerente con il periodo di preparazione ma comunque distante dalle sue reali potenzialità. C’è un talento da recuperare.

Impegnato nella finale di consolazione dopo aver mancato un posto tra i migliori otto, Luca Dotto è decimo nei 200 sl in 1’50”99. Al via nella stessa – inedita – specialità anche Alessandro Miressi (38°, 1’53″97), Michele Santucci (41°, 1’54″15) e Alessandro Bori (69°, 1’56″03). Passo indietro per Arianna Castiglioni, nona in batteria nei 100 rana a undici centesimi dalla finale (1’10”68) e poi 12esima in 1’11”56.

I RISULTATI COMPLETI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Michael Phelps

Lascia un commento

Top