Motocross: analisi weekend di gare dei piloti italiani. Cairoli sta tornando, ma quanta sfortuna… Bernardini scostante in MX2

Cairoli-FB.jpg

Tony Cairoli, Alessandro Lupino, Samuele Bernardini. Questi i tre piloti italiani impegnati nel secondo round del Mondiale Motocross 2016 andato in scena lo scorso weekend sul tracciato di Suphan Buri, in Thailandia. I primi due riders, protagonisti della classe regina MXGP, hanno vissuto due gare molto diverse tra loro: alla ricerca del top assoluto, da parte di un Cairoli non ancora al 100% della forma fisica, per ottenere il miglior piazzamento possibile, da parte di un Lupino apparso ben lontano dai livelli di vertice.

Nella gara-1 thailandese, l’otto-volte Campione del Mondo è scattato benissimo dalla casella 3 ed ha condotto le danze per dodici giri, respingendo gli assalti del solito, assatanato Romain Febvre e del debuttante di lusso Tim Gajser. Al 13°, però, il transalpino iridato in carica ha preso il comando delle operazioni e non ce n’è stato per nessuno: Cairoli secondo, lo sloveno terzo. Per il messinese della KTM una piazza d’onore e una prestazione “vecchia maniera” che confortano parecchio, poiché nonostante i tanti guai fisici di inizio stagione, ha mostrato evidenti miglioramenti. La vis pugnandi, poi, non è mai stata in discussione… Distante dalle posizioni che contano invece, Alessandro Lupino (quattordicesimo).

In gara-2, Cairoli è Campione anche di sfortuna. Dopo essere partito nuovamente “a fionda”, Tony è vittima di un guasto tecnico alla prima curva, con tanto di spegnimento del motore. Costretto a ripartire da fondo gruppo, è soltanto dodicesimo a fine corsa; quindi rimonta non riuscita e resa ancor più difficile dalla conformazione del tracciato. Tredicesimo l’altro azzurro del Team Honda Redmoto Assomotor.

Alla luce di questi risultati, dopo le prime due tappe del Mondiale, in classifica generale Tony Cairoli è quinto a 28 punti dal leader Febvre, mentre Alessandro Lupino è diciassettesimo con soli 23 punti.

La categoria cadetta del Mondiale Motocross, la MX2, ha visto la seconda doppietta stagionale dell’olandese volante Jeffrey Herlings (KTM). Ottavo in gara-1 il nostro Samuele Bernardini, dopo l’ennesima buona partenza, che ha patito in particolar modo le condizioni climatiche estreme di Suphan Buri (caldo umido asfissiante). In gara-2, invece, il ventenne del TM Racing Factory Team è giunto dodicesimo al traguardo, primo dei non doppiati, dopo la seconda piazza momentanea conquistata al via. Bernardini è ora sesto nella classifica generale, già a 53 punti dallo scatenato Herlings.

I motori del Mondiale Motocross 2016 riprenderanno a rombare il 28 marzo – lunedì dell’Angelo – con il GP d’Europa di Valkenswaard, che vedrà anche il ritorno della WMX, con la nostra Kiara Fontanesi pronta a lottare per le posizioni di vertice.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: pagina FB Tony Cairoli

 

Lascia un commento

Top