Lotta, Europei 2016: Caneva vince un incontro, titolo a Mamashuk

Lotta-Dalma-Caneva.jpg

In attesa delle ultime due giornate dedicate alla lotta greco-romana, i Campionati Europei di Riga 2016 hanno assegnato quest’oggi gli ultimi titoli continentali per la lotta libera maschile e femminile.

Medagliata di bronzo ai Giochi Europei di Baku 2015 nella categoria 55 kg, l’azera Natalya Sinishin si è laureata campionessa europea delle 58 kg. Un risultato sorprendente, ottenuto grazie alla vittoria per 3-1 sulla norvegese Grace Jacob Bullén, con la quale aveva condiviso il gradino più basso del podio l’anno scorso, mentre in terza posizione si sono classificate la bulgara Mimi Nikolova Hristova e l’ucraina Ganna Vasilenko. Proprio quest’ultima aveva eliminato sul punteggio di 8-0 l’azzurra Carola Rainero al primo turno.

L’altro titolo femminile in palio, quello della categoria 69 kg, è andato alla bielorussa Maryia Mamashuk, che si è imposta con un perentorio 9-0 sull’israeliana Ilana Kratysh, seconda proprio come agli European Games. La vincitrice di Baku, l’ucraina Alina Stadnik Makhynia, ha invece chiuso in terza piazza al pari della turca Buse Dosun. Dalma Caneva ha offerto all’Italia la prima vittoria di un incontro, al di là dell’oro di Frank Chamizo: la genovese ha infatti sconfitto per 5-3 l’azera Gozal Zutova, ma ai quarti di finale ha subito un pesante 10-0 da Stadnik Makhynia.

 

 

 

Passando al settore maschile, la medaglia d’oro della categoria 70 kg è finita al collo del polacco di origine cecena Magomedmurad Gadzhiev, già argento un anno fa ai Giochi Europei di Baku e grande favorito della vigilia. Gadzhiev ha sconfitto con un netto 7-0 il georgiano Davit Tlashadze, con il podio che è stato completato dal bielorusso Azamat Nurykau e dal bulgaro Nikolay Goshev Kurtev.

Nella massima categoria di peso della libera, la 125 kg, si è imposto invece il discusso georgiano Geno Petriashvii. Già campione mondiale junior, prima che il titolo gli venisse tolto a causa di una squalifica per doping, il caucasico ha dato una vera e propria lezione al polacco Robert Baran (11-0), anche se la sua vittoria più prestigiosa resta quella del primo turno, ottenuta sul filo di lana contro il campione mondiale in carica, il turco Taha Akgül (8-8). L’anatolico si sarebbe poi ritirato per infortunio, lasciando il via libera verso la medaglia di bronzo all’ucraino Alen Zasieiev ed al bielorusso Alexey Nikolaev.

RISULTATI

Men’s freestyle

70kg (19 entries)
GOLD: Magomedmurad GADZHIEV (POL) df. Davit TLASHADZE (GEO), 7-0
BRONZE: Azamat NURYKAU (BLR) df. Zaurbek SIDAKOV (RUS), 9-7
BRONZE: Nikolay Goshev KURTEV (BUL) df. Adrian Ionut MOISE (ROU), 9-2

Semifinal – David TLASHADZE (GEO) df. Adrian MOISE (ROU), 8-4
Semifinal – Magomedmurad GADZHIEV (POL) df. Azamat NURIKOV (BLR), 9-8

125kg (15 entries)

GOLD: Geno PETRIASHVILI (GEO) df. Robert BARAN (POL), 11-0
BRONZE: Alen ZASIEIEV (UKR) df. Daniel LIGETI (HUN), 11-6
BRONZE: Alexey NIKOLAEV (BLR) df. Lyuben Borisov ILIEV (BUL), 4-4

Semifinal – Robert BARAN (POL) df. Aleksey NIKOLAEV (BLR), 6-2
Semifinal – Geno PETRIASHVILI (GEO) df Alen ZASEEV (UKR), 9-6

Women’s Wrestling

58kg (16 entries)
GOLD: Natalya SINISHIN (AZE) df. Grace Jacob BULLEN (NOR), 3-1
BRONZE: Mimi Nikolova HRISTOVA (BUL) df. Luisa Helga Gerda NIEMESCH (GER) by FALL, 8-0
BRONZE: Ganna VASYLENKO (UKR) df. Elin Johanna NILSSON (SWE), 4-2

Semifinal – Natalya SINISHIN (AZE) df. Elin NILSSON (SWE) by TF, 12-2, 5:01
Semifinal – Grace BULLEN (NOR) df. Luisa NIEMISCH (GER), 6-3

69kg (14 entries)
GOLD: Maryia MAMASHUK (BLR) df. Ilana KRATYSH (ISR), 9-0
BRONZE: Alina STADNIK MAKHYNIA (UKR) df. Adina Elena POPESCU (ROU) by TF, 12-2
BRONZE: Buse TOSUN (TUR) df. Signe Marie Fidje STORE (NOR), 6-3

Semifinal – Maria MAMASHUK (BLR) df. Buse TOSUN (TUR), 7-6
Semifinal – Ilana KRATYSH (ISR) df. Alina MAKHYNIA (UKR), 9-5

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top