Judo: nuovo stop per Facente, Ciano guarda a Tbilisi

Judo-Antonio-Ciano-2.png

Tornato di recente da un infortunio con la vittoria al Panamerican Open di Lima, Walter Facente ha subito un nuovo stop in occasione del Panamerican Open di Buenos Aires, in Argentina, dove è stato costretto a dare forfait per la finale per il bronzo. Il calabrese ha in effetti riportato una lussazione scapolo-omerale alla spalla destra, ridotta in ospedale con sei ore di trattamento. L’azzurro della categoria 90 kg sarà sottoposto in questi giorni ad ulteriori analisi, che chiariranno la sua situazione per i prossimi tornei. “Dopo i risultati delle analisi ed il parere medico partiamo con la riabilitazione secondo i dettami del prof e l’esperienza dei nostri fisioterapisti, poi si rientra per gara secca e si vince“, ha dichiarato l’allenatore federale Luigi Guido. “Walter non ha intenzione di mollare, ha già dimostrato che se prepara una gara per bene arriva in fondo. Siamo amareggiati, ma di fronte alla forza d’animo di uno come lui possiamo dire che non è ancora finita“, ha aggiunto, riferendosi alle possibilità di Facente di continuare a coltivare il sogno olimpico.

Anche il fine settimana di Antonio Ciano è stato caratterizzato da un problema fisico: il judoka di Ercolano, impegnato nell’African Open di Casablanca, ha a sua volta rinunciato alla finale per il bronzo, lasciando il podio all’altro azzurro Matteo Marconcini, in seguito ad una botta ad una costola. Il capitano azzurro, virtualmente qualificato a Rio 2016 nella categoria 81 kg, ha preferito non rischiare, cercando di preservarsi in vista del Grand Prix di Tbilisi, appuntamento ben più importante per le qualificazioni olimpiche.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine. Emanuele Di Feliciantonio

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top