Golf, World Cadillac Championship 2016: parata di stelle e field d’eccezione

dustin-johnson-golf.jpg

Dustin Johnson


Rickie RickieIl fine settimana golfistico è incentrato su una delle più importanti competizioni del suddetto sport. L’edizione 2016 del World Golf Cadillac Championship si disputerà sul green di Doral, cittadina della Florida. I golfisti, invitati secondo la formula che spiegheremo a breve, gareggeranno nell’arco di quattro giornate e dovranno cimentarsi su un classico percorso di 72 buche. Non vi sarà il taglio dopo la seconda giornata, a causa del field ristretto a 70 giocatori.

L’elite del golf delizierà gli occhi dei fortunati appassionati presenti sul green di Doral. Golfisti che sono scelti seguendo quest’ordine di merito:

1 – I primi 50 giocatori dell’Official World Group Ranking

Questo è il criterio principale di ingresso. Per i restanti pass si rispettano le seguenti gerarchie:

1 – I primi giocatori nelle “Money list” della passata stagione dei Tour membri
2 – I primi 30 giocatori del PGA Tour Fedex Cup list (compresi coloro che sono nella Top ten nella settimana precedente all’evento)
3 – I primo 20 giocatori dell’European Tour (compresi coloro che figurano nella Top ten due settimane precedenti all’evento)
4 – I primi 2 giocatori del ranking 2015 dell’Asian Tour, Japan Golf Tour, PGA Tour of Australasia, Sunshine Tour.

Salta ovviamente subito agli occhi che il field, seguendo questi criteri, è assolutamente stellare. Presenti tutti i migliori al mondo, a partire dal campione in caria, lo statunitense Dustin Johnson. Folta la truppa americana, con Jordan Spieth, Bubba Watson e Rickie Fowler che puntano al successo. Da tenere in considerazione anche i sud-africani Branden Grace, Louis Oosthuizen e George Coetzee, che in questo avvio di 2016 già si sono ben disimpegnati e gli australiani Jason Day ed Adam Scott, vincitore dell’Honda Classic.

Il golf europeo confida in primis nel nord-irlandese Rory Mcilroy, nello svedese Henrik Stenson e negli inglesi Justin Rose e Danny Willett.

Possibili outsider il nipponico Hideki Matsuyama, vincitore ad inizio febbraio del Waste Management Open di Phoneix, e lo spagnolo Rafa Cabrera-Bello.

L’Italia non avrà nessun rappresentante.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top