Gand-Wevelgem 2016: Cancellara e Sagan, la coppia più attesa delle Fiandre

Schermata-2016-01-30-alle-16.09.31.png

Fabian Cancellara e Peter Sagan. Peter Sagan e Fabian Cancellara. La coppia più scoppiettante, attesa e spettacolare. In vista della Settimana Santa del ciclismo, e in particolare del Giro delle Fiandre, questi due atleti sembrano monopolizzare l’attenzione dei media e del gruppo. 

In questa prima parte di stagione entrambi hanno dimostrato di avere una gran gamba e di stuzzicarsi a vicenda. Dalla Milano-Sanremo, dove si sono marcati nei chilometri finali come se uno fosse l’ombra dell’altro (tanto che entrambi sono stati influenzati dalla caduta di Gaviria appena davanti), alla Gand-Wevelgem di oggi. 

Sagan, finalmente, si è sbloccato conquistando il primo successo in maglia iridata promuovendo l’attacco finale. Cancellara ha presto lestamente la sua ruota e entrambi hanno imposto un ritmo altissimo fino al traguardo, dividendosi il lavoro mentre i compagni d’avventura saltavano i cambi e quando si mettevano davanti non sembravano troppo convinti, forse per mancanza di gambe. In volata, il campione del mondo ha vinto con margine mentre lo svizzero si è dovuto accontentare del quarto posto, forse vittima di crampi nei chilometri finali. 

Sui muri in pavè hanno dimostrato di avere più birra rispetto ai diretti avversari e in vista delle prossime corse sembrano essere i fari del gruppo. Due ciclisti forti ma diversi e dotati di personalità importanti. 

Cancellara è all’ultima stagione della carriera e vuole lasciare il segno in quelle che sono sempre state le sue corse (Fiandre e Roubaix) mentre Sagan è ancora alla ricerca della prima vittoria in una Monumento. Un motivo in più per attendersi spettacolo e battaglie sui muri e i tratti in pavè tra quelli che, in questo momento, sono i migliori ciclisti del mondo in questo genere di corse.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pagina Facebook Trek Factory Racing

Lascia un commento

Top