F1, Il ‘paperino’ Kimi Raikkonen: il campione del mondo dei ritiri nel Circus e la ‘fatal’ Australia

Raikkonen-Ferrari-Foto-Cattagni.jpg

Il GP di Australia, primo appuntamento della stagione 2016, ha confermato la velocità della Mercedes ed il ruolo della Ferrari di diretta concorrente per il titolo. Tuttavia, un’altra costante è quella riguardante Kimi Raikkonen e il rapporto con la dea bendata. Il pilota finlandese, in piena corsa per il podio in quel di Melbourne, è stato costretto ad alzare bandiere bianca per un problema alla motore raggranellando un amaro ritiro.

Un profano dell’ambiente della F1 dirà: “Sono le gare…cose che capitano”. Nel caso di Kimi però questa frase trova riscontro in modo eccessivamente ripetitivo. Scorrendo le statistiche del pilota finlandese, infatti, il numero  di abbandoni prima della bandiera scacchi è pari a 57 in carriera, una quantità spropositata,  e guardando solo all’esperienza ferrarista (2007-2009) (2013 e tuttora in corso) “il contatore” segna 17, cifra quantomai sintomatica verrebbe da dire considerata entro i nostri confini. Per giunta poi andando ad analizzare quanto avvenuto solo in Australia, sotto l’insegna del Cavallino Rampante, Iceman si può ‘fregiare’ di ben 4 ritiri (2008, 2009, 2015, 2016). 

NUMERO RITIRI KIMI RAIKKONEN

Immagine

Da questi dati non si può fare a meno dal constatare che in tutta la sua storia sportiva Raikkonen ha raccolto meno di quanto avrebbe potuto,  pensando anche all’evoluzione del Mondiale 2005, forse il suo migliore anno, nel quale fu sconfitto da Fernando Alonso per 3 ritiri che ne condizionarono decisamente la corsa all’iride. E’ evidente che poi l’impatto di questi numeri è ancor più importante se li confrontiamo con quelli dei suoi compagni di squadra. Ebbene,  anche in questo caso il raffronto è impietoso:

STAGIONE 2015

Immagine

STAGIONE 2007-2008-2009

Immagine

L’unica annata nella quale si constata un certo equilibrio è quella con Fernando Alonso nel 2014 con lo spagnolo a quota 2 abbandoni e Kimi solo 1. Tuttavia, al di là di questa eccezione, la palma di campione del mondo di questa particolare graduatoria è senza discussioni del finnico e ci si augura che la tendenza possa prima o dopo arrestarsi anche se i primi vagiti del 2016 sono stati poco confortanti.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

Top