Ciclismo su pista, Mondiali 2016: Ganna porta l’Italia in cima al mondo. Corsa a punti da dimenticare per Viviani

Ganna-Ciclismo-pista-pagina-FB-Ganna.jpg

L’Italia del ciclismo su pista è tornata. Sicuramente non come ai fasti degli anni novanta, quando il Bel Paese dominava in lungo e in largo, ma finalmente si rivedono le maglie azzurre nei primi posti delle varie classifiche. I Mondiali di Londra, disputatisi settimana scorsa, non sono trionfali, ma danno grandi speranze per il presente e, soprattutto, per il futuro.

In prima pagina non può non esserci Filippo Ganna. A 19 anni il passista della Colpack (ancora dilettante) è riuscito a conquistare un magnifico titolo iridato nell’inseguimento individuale. Miglioramento sostanziale per l’azzurro, che è sceso addirittura fino al tempo di 4’16”, distruggendo il vecchio record italiano. Una medaglia d’oro fantastica, purtroppo in una specialità non inserita nel programma olimpico, ma che è comunque utile a far crescere il movimento. Nonostante l’assenza di Ganna (dedicatosi in tutto e per tutto all’individuale) anche la squadra dell’inseguimento con Viviani, Lamon, Bertazzo e Consonni si è comportata benissimo, giungendo quarta alle spalle delle superpotenze (Australia, Gran Bretagna e Danimarca). Questa sì, è una specialità a cinque cerchi: purtroppo non ci sarà la partecipazione a Rio, ma a Tokyo si può puntare addirittura ad una medaglia.

Al maschile l’altra gioia è arrivata da Francesco Ceci, che è riuscito, con un tredicesimo posto, a mantenere la propria posizione nel ranking olimpico, strappando così il pass per Rio 2016. Delusione invece nell’omnium: uno strepitoso Elia Viviani ha convinto in cinque prove su sei, crollando purtroppo nella corsa a punti finale, scendendo dal podio per soli 2 punti (gli stessi che lo dividono dall’oro di Gaviria, rivale più accreditato in vista delle Olimpiadi).

Tra le donne invece la prestazione più convincente è stato il sesto posto della squadra di inseguimento: il quartetto azzurro (Bartelloni, Guderzo, Pattaro e Valsecchi) ha confermato che la qualificazione olimpica è stata meritata. Poco o nulla dalle altre prove, tutte concluse fuori dalla top-10. Male Simona Frapporti, che non è riuscita a strappare il pass nell’omnium, nonostante una partenza eccellente.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: pagina FB Ganna

Lascia un commento

Top