Calcio: qual è la vera Italia? I 16 di Conte, le assenze e tutti i problemi ancora irrisolti

Antonio.Conte_..Italia..foto_.libera.flickr.2.jpg

Non così. Dagli applausi di Udine all’impotenza di Monaco. Dall’1-1 con la Spagna (ok, il calcio non è transitività, ma anche le Furie Rosse ora come ora sembrano un gradino sotto rispetto ai campioni del mondo) all’1-4 con la Germania. Dalle speranze ai processi, tutti affrettati. Dopo cinque giorni l’Italia torna nell’occhio del ciclone e sembrano venir meno tante certezze in vista di Euro 2016.

Ma Antonio Conte, nel post partita, non è parso allarmato né arrabbiato. “L’avevo detto prima, servivano questi test per fare valutazioni e per testarci – ha dichiarato serenamente alla Rai -. Sicuramente abbiamo sfidato i migliori, anche la Spagna è tra le migliori formazioni al mondo. Abbiamo lavorato, i ragazzi hanno dato tutto. Ora faremo le valutazioni, non c’era da trionfare contro la Spagna. Sappiamo di dover colmare un gap nei confronti di alcune squadre, per questo proveremo a prendere i migliori del campionato“.

Dopo il flop dell’Allianz Arena, tuttavia, una domanda è legittima: qual è la vera Italia? La strada segnata negli ultimi mesi si è arenata pesantemente contro la Germania. Il tridente del futuro, Bernardeschi-Zaza-Insigne, ha deluso le aspettative. A Monaco è mancata quell’identità trovata a ottobre e trascinata a suon di miglioramenti fino al Friuli: le ali non hanno colpito e la difesa ha fatto acqua da tutte le parti, rischiando anche di perdere Bonucci per infortunio. Da cosa ripartire, dunque?

Quel che è certo è che la squadra vista ieri sera è comunque lontana parente dall’undici tipo che il ct ha in mente per la campagna francese. Escludendo per un attimo l’attacco – l’esperimento dei giovani ha seguito a furor di popolo l’exploit di Udine, quando invece tutto lasciava presagire la conferma dell’ormai consolidato trio Candreva-Pellè-Eder, e necessita di accorgimenti – a Euro 2016 dovrebbero ritrovare una maglia da titolari Chiellini, Barzagli, Marchisio e Verratti. Quattro pedine fondamentali bloccate da problemi fisici che, però, costituiscono l’ossatura carismatica e tecnica di una rosa che può garantire prestazioni ben diverse dal nulla totale di martedì.

In queste ore, poi, impazza il toto-certezze dopo che Conte ha svelato, nella conferenza stampa della vigilia, di avere già in testa 16 convocati sicuri per gli Europei. Secondo Sky si tratterebbe di Buffon, Sirigu e Perin; Barzagli, Bonucci, Chiellini e Darmian; Marchisio, Parolo, Verratti, Florenzi e Giaccherini; Candreva, El Shaarawy, Pellè e Zaza. Ma non è detto che, dopo il ko con la Germania e al termine delle amichevoli contro Scozia e Finlandia in programma a giugno, il ct non possa cambiare idea su qualcuno. Anche perché l’Italia è ancora un cantiere aperto, a partire dall’assenza di un vero e proprio ariete d’area di rigore fino alla debolezza atletica che rischia di risultare fatale in Francia.

Si è trattato di una semplice battuta d’arresto o di un campanello d’allarme che anche il ct, stranamente impassibile, potrebbe sottovalutare colpevolmente? Lo scopriremo presto.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: libera Flickr/Wikimedia

Lascia un commento

Top