Biathlon, Mondiali 2016: Tiril Eckhoff iridata in casa, Wierer precisa ma quinta

Dorothea-Wierer-3-Biathlon-Romeo-Deganello.jpg

Ci sono medaglie speciali. E l’oro iridato nella sprint conquistato oggi da Tiril Eckhoff sulla collina di Holmenkollen, nei pressi di Oslo, rientra tra queste. Un’atleta ricca di talento che però tante volte non è riuscita ad esprimersi ai livelli attesi.

Oggi davanti al pubblico di casa e nello stadio che rappresenta quasi un tempio pagano per gli appassionati dello sci nordico norvegese, la Eckhoff ha conquistato la prima medaglia d’oro della carriera ai Campionati del mondo con una gara impeccabile. Il secondo tempo sugli sci e due poligono perfetti le hanno consentito di chiudere con 15” di vantaggio su tutte le altre concorrenti.

Seconda posizione e medaglia d’argento per la francese Marie Dorin-Habert, iridata lo scorso anno e anche oggi (quasi) perfetta. Senza commettere errori al poligono non ha potuto far altro che arrendersi ad Eckhoff, oggi semplicemente più forte di tutte. Sul terzo gradino del podio si è inserita la tedesca Laura Dahlmeier, la più veloce sugli stretti ma imprecisa al tiro dove ha commesso un errore che le ha impedito di lottare fino in fondo con la Eckhoff chiudendo a 19” dalla vichinga.

È rimasta ai piedi del podio la ceca Gabriela Soukalova, staccata da 37”8 dalla testa. La leader della Coppa del mondo ha commesso un errore sul quinto bersaglio della prima serie ma nonostante quello è riuscita a difendersi e a recuperare nella seconda parte di gara fino a precedere per 4 decimi di secondo l’azzurra Dorothea Wierer. La finanziera di Rasun Anterselva ha sparato al meglio, precisa e veloce ma come nella prova della staffetta mista ha pagato dazio nel finale: uscita appaiata a Dorin dall’ultimo poligono, ha faticato nell’ultima tornata andando a perdere 23” dalla transalpina. Se due indizi fanno una prova, la condizione potrebbe non essere al top ma Wierer ha comunque confermato di saper gestire anche i momenti di difficoltà. La posizione, in vista dell’inseguimento è buona ma ci sarà bisogno di ritrovare le migliori sensazioni sugli sci.

Perfetta al poligono, la svedese Mona Brorsson ha conquistato un’ottima sesta piazza davanti alla ceca Veronika Vitkova, anche lei con lo zero, la statunitense Susan Dunklee, la finlandese Kaisa Mäkäräinen e la tedesca Franziska Hildebrand.

Lisa Vittozzi ha completato in 20esima posizione la sua prova nonostante un errore sull’ultimo bersaglio che le ha impedito di avvicinare la top 10. La condizione sembra quella giusta e nelle prossime gare, con alte percentuali, potrebbe cogliere piazzamenti di rilievo. Karin Oberhofer, invece, ha mancato gli ultimi due bersagli che l’hanno fatta sprofondare in 36esima posizione. Tre errori al secondo poligono per Federica Sanfilippo, 50esima sul traguardo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Romeo Deganello

Lascia un commento

Top