Biathlon, Mondiali 2016: grande incertezza nella staffetta femminile. L’Italia ci prova per una medaglia

Wierer-e-Oberhofer-Romeo-Deganello.jpg

Dorothea Wierer e Karin Oberhofer


Prenderà il via alle 15.30 di venerdì 11 marzo la terza prova a squadre per il Mondiale 2016 di biathlon (che assegna anche punti per la Coppa del Mondo), con la staffetta femminile 7.5 km nel contesto Oslo Holmenkollen (Norvegia).

Come sempre, è difficile fare i pronostici al via di una competizione di team, soprattutto in un Mondiale, dal momento che molte formazioni in stagione non hanno sempre schierato il quartetto sulla carta migliore.

Molte le potenziali nazioni che si renderanno protagoniste per la caccia alle medaglie: l’Ucraina, al comando finora della classifica della staffetta femminile, proverà a sfidare le superpotenze Germania e Francia, ma rientrano pienamente nella lotta per il podio anche Repubblica Ceca, Italia e Norvegia.

Il quartetto dell’Est Europa può contare su un mix tra gioventù ed esperienza, con Valj Semerenko, Iryna Varvynets, Olena Pidhrushna e Yuliia Dzhima, squadra che si impose a Ruhpolding.

Per quanto riguarda la Francia, finora la competizione ha già regalato ben 5 medaglie d’oro e i transalpini non vogliono certo fermarsi: in pista gareggerà il quartetto vincitore ad Anterselva, con Justine Braisaz, Anais Bescond, Anais Chevalier e Marie Dorin Habert.

La Germania, nonostante le assenze di Hinz e Goessner, ha deciso di puntare comunque su un quartetto solido con Franziska Preuss, Franziska Hildebrand, Maren Hammerschidt e a chiudere la plurimedagliata Laura Dahlmeier.

In casa Repubblica Ceca verranno schierate la giovane Jessica Jislova, Gabriela Soukalova, Lucia Charvatova e Veronika Vitkova, con l’assenza di Puskarcikova rispetto al quartetto che si è aggiudicato la gara di Presque Isle: l’obiettivo è quello di conquistare la prima medaglia della competizione.

Per quanto riguarda le padrone di casa, devono considerarsi delle autentiche outsider: Synnoeve Solemdal, Fanny Horn Birkeland, Marte Oslbu e Tiril Eckhoff proveranno a lottare e a regalare una medaglia ai propri tifosi.

Per i colori azzurri scenderà in pista il quartetto che ha conquistato il terzo posto nella tappa tedesca di Ruhpolding, con Lisa Vittozzi al lancio, Karin Oberhofer, Alexia Runggaldier (che ha vinto il ballottaggio con Federica Sanfilippo) e Dorothea Wierer. Anche l’Italia ha ambizioni di medaglia, nel format che sia a Nove Mesto che a Kontiolahti ha regalato il bronzo iridato, ma le azzurre dovranno realizzare una gara pressochè perfetta e sperare negli errori delle avversarie.

Tra le sorprese possono emergere anche Polonia, Canada e Russia, senza sottovalutare il quartetto svedese.

Foto: Romeo Deganello

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina “Il biathlon azzurro”

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@oasport.it

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Lascia un commento

Top