Volley, SuperLega – 21^ giornata: le pagelle. Christenson e Civitanova trionfa. Ngapeth/Bruninho olè, ottimo Nelli. Atanasijevic/Hernandez: over 30 punti!

Micah-Christenson.jpg

Ieri si è disputata la 21esima giornata di SuperLega, il massimo campionato italiano di volley maschile (clicca qui per cronaca, risultati e classifica). Di seguito le consuete pagelle per scoprire migliori e peggiori del fine settimana.

 

MICAH CHRISTENSON e CIVITANOVA: 9. La Lube ha matematicamente vinto la regular season di SuperLega. Un traguardo importante per i cucinieri che vale la qualificazione alla prossima Champions League e il vantaggio del campo durante tutti i playoff ma per il momento non si è fatto ancora nulla. Undicesima vittoria consecutiva, imbattuti nel girone di ritorno ma proprio ora arriva il bello: riusciranno a conquistare il tanto agognato scudetto? La sfuriata in Coppa Italia sembra aver fatto bene al gruppo…

A Monza è stato tutto facile per questa Civitanova che ha blindato la prima posizione conquistata grazie allo scontro diretto vinto contro Modena. In Brianza è il palleggiatore Micah Christenson a sfoderare una prestazione meravigliosa che permette a Miljkovic (14 punti, 65% in attacco) e Juantorena (13, 59%) di giocare una partita di grande sostanza e di estrema precisione, ottimi anche i primi tempi con Stankovic.

 

UROS KOVACEVIC: 9. Si carica Verona sulle spalle e con i suoi 18 punti (44%) la trascina al successo sul campo di Trento, salendo in cattedra nei momenti più caldi insieme ai ritrovati Sander e Starovic. Bastava poco per accendere la miccia della Calzedonia che trionfa al PalaTrento per la terza volta nella sua storia e blinda il quarto posto in classifica, utile per avere il fattore campo a favore nella serie playoff contro Perugia.

EARVIN NGAPETH e BRUNINHO: 8,5. Assoluti protagonista di Modena che vince il derby contro Ravenna conquistando matematicamente il secondo posto in classifica. Momento difficile per i canarini, incerottati e non al top della forma (oltre che con la testa alla Champions League) ma le due stelle si accendono nel momento più opportuno: il francese sigla 23 punti, il regista lo serve a ripetizione e incanta anche con 4 aces.

 

GABRIELE NELLI: 8. Nonostante la sconfitta di Trento il giovane opposto ha giocato una partita meravigliosa contro Verona, segnando 20 punti (64% in attacco). Ormai sono tre settimane che Gabriele sta giocando titolare e il suo talento sta esplodendo sotto gli occhi di tutti. Molto bene così, ma l’esperienza e la forza di Djuric sono da recuperare al più presto per i Campioni d’Italia.

ALEN SKET, SIMON HIRSCH, VIKTOR YOSIFOV: 8. Sono loro i grandi protagonisti del successo di Latina contro Molfetta con cui i laziali ottengono la qualificazione matematica ai playoff salendo addirittura fino al sesto posto in classifica!

RAMOS HERNANDEZ e ALEKSANDAR ATANASIJEVIC: 9. L’opposto di Molfetta segna 34 punti (61% in attacco) ma la sua squadra perde in quattro set. L’opposto di Perugia va a referto con 31 marcature (58% in fase offensiva) e i suoi Block Devils vincono al tie-break contro Piacenza. Sono loro i super bomber della settimana.

 

PERUGIA: 5. Suona difficile bocciare una squadra che vince, ma il successo al tie-break contro Piacenza non può assolutamente ritenersi soddisfacente. I Block Devils sono addirittura costretti a rimontare il fanalino di coda, soffrendo per larghi tratti della partita. Difficile pensare di poter ambire al quarto posto in classifica ma soprattutto a sognare un grande risultato nei playoff. Certo che con un Atanasijevic del genere…

MOLFETTA: 5. Hernandez è al top ma i pugliesi hanno avuto una flessione troppo netta nel girone di ritorno. La squadra che aveva sorpreso fino a un paio di mesi fa si è un po’ smarrita, ha perso il sesto posto ma si è comunque qualificata ai playoff. Pesante la sconfitta contro Latina.

RAVENNA e MONZA: 5. Perdono contro le prime due della classe e sostanzialmente dicono addio al sogno playoff (matematico per i romagnoli, quasi certo per i brianzoli a meno di una clamorosa sconfitta netta di Padova contro Milano nel posticipo di domani sera). Non era certo ieri che le due formazioni dovevano fare punti per accedere alla post season, sono mancate in alcune circostanze nell’arco dell’anno e in un arrivo così tirato hanno fatto la differenza.

 

Lascia un commento

Top