Volley, Coppa Italia 2016 – Che Final Four a Milano! Chi trionferà? Modena favorita, Trento-Civitanova da urlo

Trento-Champions-League-volley-3.jpg

Si assegna il primo trofeo della stagione per il volley maschile. Caldo weekend al Forum di Assago – Milano dove si disputa la Final Four della Coppa Italia 2016. Le quattro migliori squadre di SuperLega sono pronte per sfidarsi alla caccia del primo grande obiettivo dell’anno. Il tutto nella meravigliosa cornice di Volley Land, la grande festa/fiera della pallavolo che ritorna dopo una lunga assenza.

Sabato le due semifinali (ore 15.00 e ore 17.30), domenica la Finalissima (ore 17.30). Tutte le partite saranno trasmesse in diretta tv su RaiSport1.

 

CLICCA QUI PER TABELLONE, PROGRAMMA, ORARI E TV DELLA FINAL FOUR DI COPPA ITALIA

 

MODENA vs PERUGIA – Semifinale 1: sabato 6 febbraio, ore 15.00

I canarini si presentano con i favori del pronostico per difendere il trofeo alzato al cielo l’anno scorso. La capolista della SuperLega ha perso solo due partite in questa stagione: in campionato contro Trento e in Champions League sul campo del Danzica. Una corazzata che vuole conquistare la sua dodicesima Coppa Italia ma che non deve dare nulla per scontato in una Final Four dove si gioca tutto in partite secche.

Perugia ha perso la finale di Coppa Italia due anni fa ed è alla sua terza Final Four consecutiva (non ha mai vinto il torneo). Le due formazioni si affrontano però per la prima volta in questa manifestazione mentre nell’andata di SuperLega gli emiliani si sono imposti per 3-1.

Modena ha eliminato Monza nei quarti di finale con un doppio successo (3-2 in trasferta e 3-1 in casa) mentre Perugia ha dovuto affrontare il match più combattuto contro Verona, comunque surclassata in entrambe le sfide (3-1 al PalaOlimpia e 3-1 davanti al proprio pubblico).

Kovac ha dichiarato che Modena è la più forte di tutte in questa momento ma è convinto che i suoi Block Devils possano fare il colpaccio. Dall’altra parte della rete Lorenzetti ha un po’ abbassato le ali alla propria squadra anche con le consuete frasi di circostanza.

Il coach di Modena predica calma ma conosce bene il livello dei suoi giocatori, tutti a sua completa disposizione a differenza dell’avversario che dovrà fare a meno dell’infortunato Russell. Si preannunciano duelli di altissimo livello tra i grandi bomber Ngapeth, Atanasijevic, Vettori, Fromm mentre vige incertezza sull’impiego di Piano al centro dove sarebbe gustosa la sfida in ottica Nazionale con Birarelli e Buti che si troveranno sicuramente davanti la stella Lucas. Da leccarsi i baffi il testa a testa in cabina di regia tra Bruninho e De Cecco.

Sulla carta saranno attacco e muro a decidere l’incontro ma Perugia eccelle anche in difesa come ha dimostrato nel turno infrasettimanale di SuperLega perso a Civitanova dopo essere stati avanti per 1-0 e 20-15. Modena arriva invece galvanizzata dal 3-1 conquistato sul campo di Latina e soprattutto dal primo posto in classifica mentre gli umbri occupano la quarta piazza (le stesse posizioni del girone d’andata che ha stilato la griglia della Coppa Italia).

 

CIVITANOVA vs TRENTO – Semifinale 2: sabato 6 febbraio, ore 17.30 (o 30 minuti dopo il termine della Semifinale 1 in caso quest’ultima si prolungasse oltre le 17.00)

Sulla carta dovrebbe essere la semifinale più spettacolare e incerta. I Campioni d’Italia in carica, finalisti dell’ultima Coppa Italia, sfidano la corazzata Lube allestita quest’anno per vincere davvero tutto.

Questa sfida è un crocevia determinante per l’intera stagione perché chi uscirà sconfitto giocherà sicuramente con maggior pressione nei prossimi mesi.

A Milano la squadra di Stoytchev ha conquistato la sua ultima Coppa Italia, tre anni fa proprio contro Macerata. Questa sfida valse come Finale anche nel 2012 e fu sempre Trento a imporsi. I cucinieri cercano vendetta e mai come questa volta partono con i favori del pronostico per ritornare in finale dopo tre stagioni e magari alzare al cielo quella Coppa che manca addirittura dal 2009.

Trento ha realizzato un’autentica impresa nello scontro diretto di SuperLega: sotto 0-2 ha rimontato fino al successo grazie a Lanza e Djuric. I dolomitici sono la vera bestia nera degli uomini di Blengini che ha però a disposizione una rosa vastissima come ha dimostrato nell’ultimo incontro di campionato.

Il CT della Nazionale ha diversi sestetti all’arco e può scegliere liberamente quale schierare in base all’avversario e a come si mette la partita. Cester, Podrascanin, Stankovic: quale formerà la coppia centrale? Juantorena, il nuovo arrivato Priddy, Cebulj, il bentornato Parodi: chi giocherà di banda? Capitan Miljkovic o Fox Fei: a chi affidare il ruolo d’opposto? Dubbi che tutti gli allenatori vorrebbero avere, una varietà che rischia di mettere in difficoltà Trento.

Stoytchev è però estremamente esperto, una volpe della panchina, un motivatore nato che proverà a spronare i suoi. Giannelli in cabina di regia per la sua prima Coppa Italia da protagonista, pronto per servire Djuric, Lanza e Urnaut sperando che riescano a concretizzare al meglio superando l’ostica difesa di Civitanova. Trento dovrà però servire estremamente bene mentre a muro potrà contare su calibri del livello di Van De Voorde e Solé: ci saranno grandi sportellate sottorete.

Civitanova, vincitrice di 4 Coppa Italia, è reduce da due vittorie complicate in campionato: quella al tie-break contro Padova e quella in rimonta su Perugia dopo essere stata sotto 1-0 e 20-15. Trento, trionfatrice per 3 volte in Coppa Italia, è stata sconfitta da Ravenna mercoledì sera, perdendo così l’imbattibilità del proprio palazzetto che reggeva da quasi due anni in regular season.

 

Lascia un commento

Top