Tuffi: Tocci-Chiarabini a Rio 2016. Cronaca di una strana coppia

Tocci-Chiarabini-tuffi-2008-foto-benedetta-molaioli-fb.jpg

Una strana coppia. Strana perché nata quasi per caso, durante le pause d’allenamento degli Europei di Rostock 2015, con i presenti – noi compresi – che cercavano di capire dove finisse il limite dello scherzo e dove invece iniziasse quello della realtà. E’ diventato chiaro presto, qualche settimana dopo, al Grand Prix di Bolzano. Super programma, garone e medaglia d’argento. Giovanni Tocci e Andrea Chiarabini hanno iniziato così a preparare la propria scalata verso le Olimpiadi, conquistate ieri a Rio de Janeiro sotto la pioggia della giornata d’esordio della Coppa del Mondo.

L’estate procede e, agli Assoluti di Bergamo, i due azzurri sfoderano un’eliminatoria da 425 punti. Purtroppo ce la perdiamo, perché stiamo guidando proprio verso l’Italcementi, ma ci arriva un messaggio che recita: “Anche i giudici si sono alzati in piedi per applaudirli“. Alla finale, invece, ci siamo. Qualche punto in meno, ma abbastanza per convincere il ct Giorgio Cagnotto a cambiare in extremis le scelte per i Mondiali di Kazan. I titolari sono loro.

 

Bravissimi

Pubblicato da Europa Center S.r.l. su Venerdì 19 febbraio 2016

 

In Russia l’esordio è ottimo. Ancora benissimo in mattinata, poi un nono posto in finale con oltre 400 punti e, soprattutto, l’adrenalina che scorre ancora potente nelle vene. Perché è il 28 luglio 2015, e solo qualche ora prima Tania Cagnotto ha vinto il suo primo oro iridato della carriera battendo le cinesi dal metro. Sembra quasi un passaggio di consegne. La medaglia, per Tocci-Chiarabini, è impossibile. Ma fanno il loro ed escono a testa alta. Programmando il futuro.

La nuova stagione, tra selezioni individuali (Chiarabini ce la fa, Tocci invece no) e collegiali a Cuba, sembra limitare i progressi dei due italiani, già affiatati e super legati perché medaglia d’argento junior nel 2010 a Helsinki proprio in sincro. L’esperimento della strana coppia comunque continua anche se i risultati non sono eccellenti. E si arriva alla Coppa del Mondo, tra un’eliminatoria da dimenticare – anche qui siamo distanti dal pc e, in un aggiornamento che arriva via Facebook, ci dicono addirittura che è tutto finito, salvo poi assistere agli harakiri di Francia e Austria – e una finale, invece, da sogno. Perché è questa una delle regole non scritte dei tuffi: chi entra per il rotto della cuffia poi nel pomeriggio (o sera, come in Brasile) ha una marcia in più. Chissà perché.

Il resto è un qualcosa che ancora non riusciamo a rileggere con lucidità, tra cuore a mille e anche qualche lacrima di gioia. Perché conosciamo il lavoro che c’è dietro a tutto questo, a partire dai tecnici Fabrizio De Angelis eLyubov Barsukova fino ad arrivare allo staff federale, e perché più che delle considerazioni tecniche questo è il momento della festa. Per Giovanni Tocci, “uno con la testa” come direbbe Massimiliano Rosolino riferito a Simone Sabbioni, alla sua prima Olimpiade. E per Andrea Chiarabini, che invece c’era già a Londra 2012 ma dalla piattaforma, autore di una carriera talentuosissima ma piena di troppi alti e bassi. Ha toccato il fondo ed è risalito nell’unica maniera possibile: lavorando duramente.

E torniamo a Bergamo, lo scorso luglio, a quel pianto irrefrenabile per la mancata qualificazione mondiale individuale che forse in pochi hanno notato. “Sta cambiando mentalità“, ci ha detto un suo superiore. Gli abbiamo creduto. Ha avuto ragione.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Nella foto di Benedetta Molaioli (Facebook), Tocci e Chiarabini nel 2008

Lascia un commento

Top