Tuffi, Coppa del Mondo 2016: i big internazionali ancora senza pass olimpico

Patrick-Hausding-e-Sascha-Klein-Germania-tuffi-foto-pagina-ufficiale-fb-hausding.jpg

L’attesa sta per terminare, domani a Rio partirà la Coppa del Mondo 2016 di tuffi. Un evento fondamentale perché in palio ci saranno 136 pass olimpici, gli ultimi a disposizione per gli atleti italiani ma non solo. E se la formazione azzurra sabato sera si giocherà le sue principali carte (anche da medaglia) con il sincro 3 metri femminile formato da Tania Cagnotto e Francesca Dallapè, sette volte oro europeo di fila ma ancora senza biglietto per i Giochi, molte altre nazioni inseguono la qualificazione delle loro punte di diamante.

CANADA MASCHILE E INFORTUNIO FILION – I nordamericani non hanno ancora uomini qualificati a Rio 2016. Come anche l’Italia, del resto, e la situazione tra due paesi storicamente amici nei tuffi è parecchio simile. Dopo anni gloriosi, un ricambio generazionale che ha impedito di raggiungere prestigiosi successi internazionali. Il Bel Paese sta lavorando, il Canada sembra tuttavia già pronto a raccogliere i frutti. Da 3 metri Philippe Gagné e François Imbeau-Dulac, in ottima forma al recente Grand Prix di Rostock, non dovrebbero incontrare grossi ostacoli dopo le premature eliminazioni mondiali. Lo stesso vale, dalla piattaforma, per Maxim Bouchard e Vincent Riendeau. Giovani e in grande crescita per tornare al vertice, che manca dai fasti di Alexandre Despatie. Infortunata a una caviglia dopo il clamoroso 13esimo posto a Kazan, l’esperta piattaformista Roseline Filion è senza pass individuale ma parteciperà alla Coppa del Mondo solo nel sincro. Al suo posto proverà a qualificarsi Celine Toth, che comunque otterrebbe (come tutti) un pass per la nazione e non personale. A quel punto, poi, la decisione spetterà alla Federazione.

LE GIOVANI BRITANNICHE – Attenzione perché qualcosa sta cambiando in casa Team GB. Grazie ai risultati di Kazan, Rebecca Gallantree e Tonia Couch hanno già ottenuto il passo. Con merito, viste le prestazioni degli ultimi anni. Chi invece rischia di perdere il posto rispetto al passato è soprattutto Sarah Barrow, campionessa d’Europa a Berlino 2014 e addirittura non iscritta ai 10 metri individuali pur non vantando ancora il lascia passare per i Giochi che si contenderanno la 16enne Lois Toulson (talento oro ai Giochi Europei) e Georgia Ward. Anche Alicia Blagg, da 3 metri, è nella stessa situazione della Barrow. Nella start list compaiono i nomi di Katherine Torrance (classe 1998, percorso simile alla Toulson con trionfo a Baku) e Grace Reid. Per entrambe l’occasione di volare a Rio andrà raggiunta con il sincro.

FECK E PUNZEL – Fuori per meno di un punto dalla semifinale mondiale, il trampolinista tedesco Stephan Feck che nelle ultime stagioni è cresciuto grazie soprattutto al sincro con Patrick Hausding ha lavorato per inserire anche nel programma individuale il quadruplo e mezzo avanti raggruppato ed è comunque in pole position per raggiungere il suo obiettivo. Alle Olimpiadi dovrà pure riscattare il tragicomico nullo con cui, a Londra 2012, era divenuto tristemente famoso su internet. La campionessa d’Europa da 3 metri a Rostock 2013, Tina Punzel, è reduce da un Mondiale da dimenticare ma, rappresentando il miglior prospetto della Germania al femminile, ha l’obbligo di centrare la qualificazione.

SITUAZIONE BAZHINA – Una storica rivale di Tania Cagnotto potrebbe (anzi: è quasi certa) di non partecipare alla gara individuale olimpica. Si tratta della russa Nadezhda Bazhina, sconfitta ai Nazionali da Kristina Ilynikh (un’altra protagonista a livello europeo ancora senza pass) e da Diana Chaplieva, iscritta al suo posto nei 3 metri della Coppa del Mondo. Anche qui vale quanto detto in precedenza con Roseline Filion: in caso di qualificazione raggiunta, la Federazione locale potrebbe poi mischiare le carte. Anche se, al momento, l’unica occasione di vedere la 28enne oro europeo a Berlino 2014 a Rio anche ad agosto è il sincro.

ALTRI – Segue una rapida carrellata di nomi ancora non citati che, nelle rispettive gare individuali, sono ancora privi del pass olimpico ma non dovrebbero patire troppo per agguantarlo. 3 metri maschili: Grant Nel (Australia), Constantin Blaha (Austria), Chris Mears (Gran Bretagna), Sho Sakai (Giappone), Rodrigo Diego Lopez (Messico), Oleg Kolodiy (Ucraina), Micheal Hixon e Kristian Ipsen (Usa); 3 metri femminili: Nora Subschinski (Germania), Minami Itahashi (Giappone), Nur Dhabitah Sabri (Malesia), Inge Jansen (Olanda), Jessica Favre (Svizzera), Kassidy Cook e Abigail Johnston (Usa); 10 metri maschili: Vladimir Harutyunyan e Lev Sargsyan (Armenia), Victor Ortega (Colombia), Matthew Lee/James Denny (Gran Bretagna), Jesper Tolvers (Svezia), Maksym Dolgov (Ucraina), David Dinsmore/Steele Johsnon (Usa); 10 metri femminili: Maria Kurjo (Germania), Minami Itahashi (Giappone), Alejandra Orozco (Messico), Mara Aicoboae (Romania), Yulia Timoshinina ed Ekaterina Petukhova (Russia), Jessica Parratto (Usa).

SINCRO – Tante le coppie prestigiose al momento fuori dalla qualificazione. E, a causa del fatto che le gare olimpiche si svolgeranno direttamente con una finale a otto e con il modesto Brasile padrone di casa presente per diritto, per alcune non ci sarà proprio spazio. Nei 3 metri maschili Ucraina (Illya Kvasha-Oleksandr Gorshkovozov), Germania (Patrick Hausding-Stephan Feck) e Messico (Jahir Ocampo-Rommel Pacheco) sembrano avere qualcosa in più di Canada (Philippe Gagné e François Imbeau-Dulac), Australia (James Connor-Grant Nel), Usa (Sam Dorman-Kristian Ipsen) e Giappone (Sho Sakai-Ken Terauchi). L’Italia (Andrea Chiarabini-Giovanni Tocci) può giocarsela partendo da outsider, come anche la recente coppia francese Matthieu Rosset-Antoine Catel che ha brillato a Rostock. Nei 3 metri femminili qualificazione alla portata per le azzurre Tania Cagnotto-Francesca Dallapè, tallonate principalmente dalle russe (Nadezhda Bazhina-Kristina Ilynikh), dalle britanniche (Alicia Blagg-Rebecca Gallantree), dalle malesiane (Ng Yan Yee-Nur Sabri), dalle ucraine (Anastasiia Nedobiga-Viktoriya Kesar) e dalle tedesche (Tina Punzel-Nora Nora Subschinski). Nella piattaforma maschile impresa ardua per Maicol Verzotto-Francesco Dell’Uomo, settimi ai Mondiali di Barcellona 2013 ma 16esimi a Kazan 2015. Per i pass favoriti Germania (Patrick Hausding-Sascha Klein), Ucraina (Maksym Dolgov-Oleksandr Gorshkovozov) e Usa (David Boudia-Steele Johnson) con un interessante duello che si profila tra l’Australia (James Connor-Domonic Bedggood) e la Gran Bretagna della nuova coppia Thomas Daley-Daniel Goodfellow. Infine, nella piattaforma femminile in cui l’Italia non schiera coppie, le previsioni dicono Messico (Alejandra Orozco-Paola Espinosa), Gran Bretagna (Tonia Couch-Sarah Barrow), Russia (Yulia Timoshinina-Ekaterina Petukhova) e una tra Malesia (Pandelela Rinong-Leong Mun Yee) e Australia (Melissa Wu-Teju Williamson).

CINA AL COMPLETO – La Cina è l’unico paese che ha già raggiunto tutti e 12 i pass disponibili per nazione. Li hanno vinti, ai Mondiali di Kazan, i seguenti atleti: Cao Yuan ed He Chao (3 metri maschili), Shi Tingmao ed He Zi (3 metri femminili), Qiu Bo e Jian Yian (10 metri maschili), Ren Qian e Si Yajie (10 metri femminili), Cao Yuan-Qin Kai (3 metri maschili sincro), Shi Tingmao-Wu Minxia (3 metri femminili sincro), Chen Aisen-Lin Yue (10 metri maschili sincro) e Chen Ruolin-Liu Huixia (10 metri femminili sincro).

LE START LIST DELLA COPPA DEL MONDO

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook ufficiale Patrick Hausding

Lascia un commento

Top