Tuffi, Coppa del Mondo 2016: Cagnotto-Dallapè, sì! Quarto posto e pass olimpico

Cagnotto-Dallapè-3.jpg

L’estate di Rio, imprevedibile come sempre. Dopo una bella giornata di sole torna il diluvio: pioggia e vento forte. Ma la gara della vita per l’Italia comincia regolarmente e sembra pure filare via tutto sommato tranquilla. Tania Cagnotto e Francesca Dallapè per oltre metà finale del sincro 3 metri alla Coppa del Mondo sono seconde dietro alla Cina. Poi sporcano il triplo e mezzo avanti carpiato, ma riescono comunque a qualificarsi per le prossime Olimpiadi chiudendo in quarta posizione. Obiettivo raggiunto.

Con i 52.80 punti dell’ordinario indietro le azzurre sono persino in testa alla fine della prima rotazione, perché la Cina non va oltre i 51.60. Gli obbligatori sono da anni il punto di forza di Cagnotto-Dallapè: celebre il motto di Stefano Bizzotto e Oscar Bertone, voci di RaiSport, per cui i 100 punti sono l’ottima base per i liberi. L’Italia c’è: 103.20. Le altre meno: togliendo Cina (103.80), Australia e Gran Bretagna, in gran forma con 101.40, la Germania ne fa solo 97.20, il Canada (comunque già qualificato) 94.80, l’Olanda e l’Ucraina 93.60, il Messico addirittura 91.80.

Iniziano le rotazioni delicate e la Germania trova 69.30 punti con il doppio e mezzo indietro carpiato. Bene anche l’Ucraina, 70.20 con il doppio mezzo ritornato carpiato. Sbaglia il Messico, ormai fuori dai giochi, mentre Blagg-Gallantree si confermano ambiziose con un avvitamento da 70.20. Il Canada ammalia prendendo anche i 9, ma le due azzurre volano con 72.90 nell’avvitamento e sono sempre virtualmente qualificate, seconde in graduatoria.

La quarta rotazione si preannuncia come quella decisiva, perché il 107b di Cagnotto e Dallapè è il tuffo più ostile della serie a causa del presalto e del trampolino viscido. Dopo averlo eseguito bene in eliminatoria l’ingresso non è pulito: arrivano 58.59 punti che aumentano il batticuore fino all’ultima serie. Ci sono comunque una decina di lunghezze di vantaggio da gestire sulle inseguitrici, perché Gran Bretagna a parte davanti ci sono solo coppie già qualificate.

Appena la gara termina riparte il diluvio. Il podio è lo stesso degli ultimi Mondiali (Cina 339.60, Canada 312.27, Australia 307.50), ma l’Italia è quarta con un doppio e mezzo ritornato carpiato da 69.30. Con 303.99 punti Cagnotto-Dallapè sono le prime qualificate insieme a Malesia (301.50), Gran Bretagna (299.28) e Germania (298.14). Appuntamento ad agosto per qualcosa di più.

 

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Rostock 2013

Lascia un commento

Top