Tuffi, Coppa del Mondo 2016: Benedetti chiude ottavo. Podio pazzo: Messico-Giamaica-Usa

Schermata-del-2016-02-22-22-55-48.png

La Cina non sale sul podio dei 3 metri maschili individuali alla Coppa del Mondo di Rio 2016 perché He Chao fallisce il triplo e mezzo indietro raggruppato e Cao Yuan, addirittura, è eliminato al primo turno. Ma la vera notizia è che non ci sono neanche russi, tedeschi, ucraini o britannici. C’è un messicano, ed è Rommel Pacheco, che in una delle gare più folli di sempre è l’unico a non sbagliare e si mette al collo l’oro con 504.40 punti. Non contento, si presenta poi alla premiazione con una t-shirt di Braccio di Ferro, perché la sua Federazione è al momento deferita dalla Fina per il mancato pagamento della penale dopo la rinuncia ai Mondiali 2017 e, dunque, non riconosciuta come paese ufficiale.

Dopo Pacheco c’è una prima volta assoluta. E’ quella di Yona Knight-Wisdom, jamaicano che vive e si allena in Inghilterra. Entrato in semifinale come 17esimo e in finale come undicesimo, completa al meglio la sua serie relativamente ‘semplice’ – il doppio e mezzo avanti con due avvitamenti, coefficiente 3.4, l’ostacolo maggiore – e si mette al collo uno storico argento con 459.25 punti. E terzo è lo statunitense Kristian Ipsen, 457.60, che nonostante un errore sorpassa in extremis il francese Matthieu Rosset, in grande forma fino a questa sera, fermo a quota 453.50.

Nella pazza serata di Rio, in cui per una volta la pioggia tropicale concede una pausa agli atleti, c’è da registrare anche il miglior risultato individuale dell’Italia maschile da due anni a questa parte. Alla Coppa del Mondo 2014 di Shanghai Francesco Dell’Uomo fu ottavo da 10 metri, oggi Michele Benedetti bissa il piazzamento del compagno di squadra dal trampolino. Conquistato il pass olimpico ieri con Andrea Chiarabini, il 31enne romano è per la terza volta in due giorni sopra quota 400.

Ne fa alla fine 410.40, con un super avvio – dopo due rotazioni è addirittura quarto in classifica grazie ai 79.05 punti del triplo e mezzo avanti carpiato – e un doppio e mezzo rovesciato carpiato scarso in ingresso (48) che vanifica ambizioni maggiori. Ma è comunque la conferma che l’Italia è in salute e domani dalle 14, con Maicol Verzotto e Francesco Dell’Uomo, proverà a conquistare gli ultimi due pass per Rio 2016 che ancora mancano a una spedizione finora perfetta.

I RISULTATI

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Lascia un commento

Top