Tennis, WTA Dubai: una stanca Roberta Vinci esce di scena al primo turno

tennis-roberta-vinci-fb-supertennis-e1451897282750.jpg

Niente da fare per Roberta Vinci nel match valevole per il primo turno del torneo WTA di Dubai. La tarantina è stata sconfitta dalla kazaka Yaroslava Shvedova, numero 82 del mondo, con il punteggio di 6-0 4-6 6-3 in 1 ora e 52 minuti di gioco.

Le scorie della finale vinta a San Pietroburgo, appena due giorni fa, non hanno consentito alla Vinci di esprimere il suo miglior tennis al cospetto di un’avversaria autrice di un incontro molto ben giocato, a tratti devastante. Fin dal primo set si capisce subito che non è la solita Roberta, spesso in ritardo sulla palla e poco reattiva sulle gambe rispetto ad una Shvedova in grado di tramutare in oro ogni pallina colpita dalla sua racchetta. Sul 2-0 la pugliese, nel game più lungo del match, con grande orgoglio si costruisce ben 5 palle break ma la kazaka, puntualmente, o con una prima potente o con un winner annulla. Sotto 3-0 Robertina si smarrisce nel suo gioco, non trovando la misura del campo e subendo la profondità della rivale. L’impietoso 6-0 di fine frazione descrive esaustivamente l’andamento del parziale. Nel ‘coaching’ con Francesco Cinà la Vinci si lascia andare ad un: “Non sento la palla e le gambe“.

Una fase di sconforto che però, in parte, viene superata dalla numero 13 del mondo nel secondo set. La kazaka abbassa leggermente le percentuali di efficacia di risposta mentre l’italiana inizia a trovare il suo tennis di tocchi sopraffini e rapide accelerazioni. L’azzurra va avanti di un doppio break sul 5-2 potendo servire per il parziale ma nuovamente si rompe qualcosa. Manca continuità e forse anche un po’ di energia nella tarantina costretta a cedere nuovamente il turno in battuta. Un break indolore per la Vinci che conquista comunque la seconda frazione 6-4.

Nel terzo e decisivo parziale, dopo uno scambio di break nel secondo e terzo gioco, il momento topico dell’incontro sono il settimo e l’ottavo gioco nel quale Roberta ha quattro opportunità per strappare il servizio alla Shvedeva ma la kazaka grazie al solito rovescio del centro verso sinistra annulla. Da questo momento, la luce della pugliese si spegne definitivamente mentre la sua avversaria sale in cattedra: una serie di 10 punti a 1 consegna le chiavi dell’incontro alla n. 82 del ranking.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Supertennis

Tag

Lascia un commento

Top