Short track, Coppa del Mondo: il bis della sfaffetta femminile. L’Italia delle donne cresce

oa-logo-correlati.png

Nella sesta tappa di Coppa del Mondo di Dordrecht (Olanda) è arrivata la riconferma della staffetta femminile italiana che non sazia dello storico successo di una settimana fa di Dresda (Germania) ha concesso il bis lungo l’anello di ghiaccio orange. Le azzurre hanno avuta la meglio in finale, con il crono di 4’13″418, della Russia (4’16″571) e della Francia (4’16″861). Una prova di maturità quella del quartetto costituito da Arianna Fontana, Lucia Peretti, Elena Viviani ed Arianna Valcepina ormai dichiaratamente ai vertici mondiali soprattutto dopo il ritorno della fuoriclasse di Sondrio. Fontana che ha ben figurato anche nell’individuale, sui 500m, dove ha raggiunto la finale giungendo quarta. Un risultato positivo, pensando che la condizione non è sicuramente al top, per i prossimi appuntamenti come il Mondiale (11 marzo).

Una Nazionale che però non è “Fontana-dipendente” dal momento che anche le ragazze già in sua assenza avevano raggiunto un ottimo bronzo alla rassegna continentale del 22 gennaio. In più è da annotare nell’appuntamento olandese l’ottima prestazione di Lucia Peretti in finale B dei 1500 metri. Riscontri che, pertanto fanno ben sperare per il prossimo futuro, offrendo delle garanzie che non saranno unicamente incentrate sulla campionessa valtellinese. Un po’ più di difficoltà nel settore maschile dove gli azzurri Yuri Confortola, Tommaso Dotti, Nicola Rodigari ed Andrea Cassinelli, nella staffetta,  sono stati eliminati in semifinale, chiudendo al quarto posto dietro a Canada, Olanda e Belgio.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Arianna Fontana

Lascia un commento

Top