Sei Nazioni 2016, Brunel: “Da rivedere l’ultima penalità”

10923746_946425212035181_328179240326805556_n.jpg

L’Italrugby ha lottato allo Stade de France perdendo 21-23 contro i padroni di casa all’esordio nel Sei Nazioni 2016. Decisivo un calcio di punizione di Plisson a cinque minuti dalla fine che, però, ha lasciato scettico Jacques Brunel.

Da rivedere la penalità contro Parisse – ha detto il ct azzurro a caldo, come scrive la Federugby -. Volevamo essere un avversario duro, ci siamo riusciti. C’è stato un bello spirito, ci è mancato poco. Abbiamo costruito pur avendo troppi calci contro nel primo tempo. Non abbiamo avuto paura ed abbiamo giocato una buona partita“.

Più diplomatico, invece, il capitano Sergio Parisse, chiamato direttamente in causa. “Nessuna polemica sull’arbitraggio, è stato quello che è stato“, ha detto. E, sul tentato drop della vittoria a tempo scaduto, ha ammesso: “Ho deciso di calciare perché ero in buona posizione. Ho preso le mie responsabilità“. Il pallone ha sfiorato i pali lasciando per un secondo senza fiato tutti gli spettatori. Ma non è entrato. Parisse aveva realizzato un drop vincente al Sei Nazioni 2009 contro la Scozia.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Federugby

Lascia un commento

Top