Sci Alpino, Coppa del Mondo: Pinturault domina la prima manche ad Hinterstoder. Moelgg nono

Pinturault-2015-Campiglio-02-Foto-Cattagni.jpg

Alexis Pinturault (Foto Cattagni)


Non si ferma più il francese Alexis Pintuarault, che domina anche la prima manche del gigante di Coppa del Mondo ad Hinterstoder. Momento di forma sensazionale per il transalpino, vincitore dell’ultima prova in Giappone a Naeba e della combinata di Chamonix. Pintuarault è stato perfetto nella parte centrale, tra il secondo e il terzo intermedio, brillando soprattutto nella parte di piano. Solo un errore sul saltino finale ha fatto perdere qualche centesimo al francese, che altrimenti avrebbe davvero chiuso i conti per la vittoria già nella prima manche.

Quell’errore ha permesso a Stefan Luitz di chiudere “solo” a 51 centesimi dalla vetta della classifica. Il tedesco è stato bravissimo nella parte finale, riuscendo a domare al meglio il salto finale, recuperando addirittura 4 decimi al transalpino.
Il podio è attualmente completato da un altro francese, Thomas Fanara, staccato di 78 centesimi. Il 34enne di Annecy ha sfruttato al meglio il pettorale numero uno ed è uno dei pochi ad aver tenuto una buona traiettoria nella parte finale, riuscendo a non perdere dal connazionale in testa.

Quarto il leader della Coppa del Mondo, Marcel Hirscher, staccato di 87 centesimi da Pinturault. L’austriaco ha sbagliato anche lui nella parte finale, facendosi sbalzare un po’ troppo dal saltino. Un errore ancora più grave è stato quello di Henrik Kristoffersen, quinto e distante 94 centesimi da Pintuarault.

Sesto ed ottavo i tedeschi Felix Neureuther (+0.98) e Fritz Dopfer (+1.13) e tra di loro c’è il francese Mathieu Favre (+1.11).

Grandissima prova di Manfred Moelgg, nono e staccato di 1.21 da Pinturault. Con il pettorale numero 23 il nativo di Brunico è stato bravissimo ad inserirsi tra i primi dieci grazie ad una prova davvero ottima, soprattutto nel finale, dove è stato uno dei migliori ad interpretare quella parte di tracciato, che ha messo in difficoltà anche i big della specialità.

Undicesimo posto per Roberto Nani (+1.33), che ha rischiato di uscire già sul muro iniziale, salvandosi con un tempestivo colpo di reni. Il 27enne azzurro ha poi commesso qualche altra imprecisione nella parte finale, dove comunque è riuscito a contenere il distacco, restando non lontano dalle posizioni di vertice.

Fuori dai primi quindici, ma ampiamente qualificati per la seconda manche Riccardo Tonetti (+1.98) e Florian Eisath (+2.12). Discorso simile anche per Luca De Aliprandini (+2.28) e Massimiliano Blardone (+2.35)

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 Foto CATTAGNI

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top