Sci Alpino, Coppa del Mondo: dal capolavoro di Max Blardone in Giappone alla troppa neve di Crans Montana

sci-alpino-massimiliano-blardone-fb-blardone.jpg

Finalmente è arrivata la neve, ma incredibilmente è saltato un altro weekend di Coppa del Mondo sulle piste europee. Dal non esserci neve all’essercene troppa, quello che è accaduto questo weekend a Crans Montana, con gli organizzatori che non sono riusciti a sistemare in tempo la pista, portando dunque la giuria a prendere la decisione di annullare sia sabato che domenica la discesa libera femminile.

In realtà la gara doveva disputarsi sabato, ma è stato poi spostato al giorno dopo, cancellando dunque la combinata che era in programma. Anche ieri la situazione non è migliorara e a questo punto si spera possa essere disputato almeno lo slalom in programma questa mattina, che è già un recupero delle gare passate.

Di questi problemi climatici non ne hanno avuti gli uomini in Giappone, dove a Yuzawa Naeba si è disputo un gigante ed uno slalom, in un appuntamento che a questo punto potrebbe diventare fisso per la Coppa del Mondo.

Sulle nevi giapponesi l’Italia festeggia il ritorno sul podio di uno dei suoi più grandi interpreti del gigante, Massimiliano Blardone.Il veterano della squadra azzurra ha ottenuto il venticinquesimo piazzamento tra i primi tre della carriera, ottenendo un risultato che gli mancava dalla stagione 2011/2012, quando collezionò due vittorie e quattro podi complessivi. Un terzo posto arrivato proprio nella stagione del ritiro per Blardone, che, nonostante la “rinascita” sportiva ha confermato di smettere al termine dell’ultimo gigante di quest’anno.

Sensazionale la prestazione del grande Max, capace di chiudere al nono posto la prima manche partendo con il pettorale 27 e di compiere poi un capolavoro nella seconda, chiusa con il miglior tempo complessivo, recuperando ben sei posizioni.

Il risultato complessivo di squadra è positivo, visto che tra i primi dieci chiudono anche Roberto Nani (nono) e Florian Eisath (decimo), ai quali si aggiungono il tredicesimo e quattordicesimo posto di Manfred Moelgg e Riccardo Tonetti.

Passo indietro invece in slalom per gli azzurri, con Stefano Gross il migliore all’undicesimo posto. Il nativo di Pozza di Fassa ha commesso un errore grave nella seconda manche, che gli è costato addirittura l’uscita dai primi dieci della classifica. Anche Patrick Thaler ha faticato, chiudendo 18esimo e alla fine nei trenta si è classificato oltre ai due gia citati il solo Andrea Ballerin.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Trovati da pagina FB di Massimiliano Blardone

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top