Sci alpino, Coppa del Mondo 2015/2016: doppietta francese nel gigante nipponico, Blardone sul podio!

oa-logo-correlati.png

A dieci anni di distanza dall’ultima volta, la Coppa del Mondo di sci alpino torna a fare tappa in Giappone. Nel 2006, però, si svolsero due slalom speciali sulle nevi di Shigakōgen, con le vittorie di Benjamin Raich nel primo e della coppia Reinfried Herbst-Kalle Palander a pari merito nel secondo. Per ritrovare l’ultimo slalom gigante nipponico, bisogna dunque risalire al 15 febbraio 2001, quando, sempre a Shigakōgen, si impose Hermann Maier davanti all’atleta del Liechtenstein Marco Büchel ed ancora a Benjamin Raich.

Sulla pista di Yuzawa-Naeba, il testimone delle vittorie nel Paese del Sol Levante è passato al francese Alexis Pinturault, ventiquattrenne di Courchevel che ha così raggiunto quota undici successi e trenta podi in Coppa del Mondo. Secondo dopo la prima manche, il vincitore dell’ultima combinata alpina di Kitzbühel ha domato perfettamente i segni della pista, chiudendo con un crono complessivo di 2’34″23. Alle sue spalle, staccato di 51/100, il connazionale Mathieu Faivre, amico-rivale dello stesso Pinturault ai tempi delle categorie giovanili, che conquista così il suo primo podio in carriera.

Per i colori azzurri è invece arrivato lo splendido ed inaspettato podio di Massimiliano Blardone, terzo a 67/100 dal leader francese. Il veterano trentaseienne ottiene così il venticinquesimo piazzamento tra i primi tre della carriera, ottenendo un risultato che gli mancava dalla stagione 2011/2012, quando collezionò due vittorie e quattro podi complessivi. Già ottimo nono dopo la prima manche nonostante il pettorale numero 27, Max ha fatto segnare il miglior tempo nella seconda frazione di gara (1’17″50), rimontando fino al terzo posto.

Quarto, a 77/100 da Pinturault, troviamo il norvegese Henrik Kristoffersen, che ha scaldato i motori in vista della gara di domani, mentre l’ottima prestazione della squadra francese è completata dal quinto posto di Victor Muffat-Jeandet (+0″91). Terzo dopo la prima manche, un irriconoscibile Marcel Hirscher è scivolato in sesta posizione, con 1″31 di ritardo dal primo posto. Alle spalle dell’austriaco troviamo l’altro deluso di giornata, il tedesco Fritz Dopfer (+1″45), primo a metà gara ma ancora una volta incapace di ottenere la sua prima vittoria della carriera. Ottavo lo svizzero Gino Caviezel (+1″53), mentre centrano la top ten gli azzurri Roberto Nani (+1″59) e Florian Eisath (+1″66), rispettivamente nono e decimo. Per l’Italia sono arrivati inoltre i buoni piazzamenti di Manfred Möllg, tredicesimo a 2″15 dal primo posto, e Riccardo Tonetti, quattordicesimo a 2″16. Luca De Aliprandini, Simon Maurberger ed Andrea Ballerin non si erano qualificati tra i migliori trenta della prima manche.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top