Scherma, Coppa del Mondo: l’Italia a Buenos Aires si ferma ai quarti e dice addio alle Olimpiadi

Spada-femminile-italiana-scherma-foto-bizzi-federscherma.jpg

La squadra italiana di spada femminile non sarà alle Olimpiadi di Rio 2016. Questo è il verdetto dell’ultima tappa di Coppa del Mondo a Buenos Aires. La sconfitta nei quarti di finale con la Russia per 45-38 e la contemporanea vittoria dell’Ucraina sulla Corea (38-31) estromettono dai Giochi le azzurre. 

Incredibile il tracollo di una squadra, che due anni fa occupava la prima posizione del ranking mondiale e che nell’ultima stagione ha dilapidato una qualificazione che sembrava essere ormai sicura. Una vera e propria disfatta, che ha avuto il suo culmine oggi a Buenos Aires, dove serviva una reazione ed invece è arrivata l’ennesima prematura sconfitta nei quarti con la Russia.

Senza Rossella Fiamingo, che non è riuscita a recuperare dal malessere accusato nella giornata di ieri, l’Italia ha puntato tutto sul trio formato da Mara Navarria, Bianca Del Carretto e Francesca Boscarelli. Sconfitto il Giappone nell’assalto degli ottavi di finale per 44-32, le azzurre avevano bisogno di un successo contro la Russia nei quarti ed invece è arrivata una sconfitta che ha messo fine ai sogni di qualificazione olimpica.

Adesso è il momento della riflessione per capire cosa sia successo in queste ultime stagioni. Resta il grande rammarico per una squadra che doveva salire sul podio a Rio e che invece guarderà le Olimpiadi da casa. In Brasile per la spada femminile, da regolamento, ci andrà la sola Rossella Fiamingo, con la speranza che la siciliana riesca ad uscire dalla crisi profonda in cui è piombata.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

andrea.ziglio@oasport.it

 Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

One thought on “Scherma, Coppa del Mondo: l’Italia a Buenos Aires si ferma ai quarti e dice addio alle Olimpiadi”

  1. ale sandro scrive:

    E’ abbastanza clamoroso ciò che è accaduto, proprio perchè l’arma al femminile era stata una delle più regolari negli ultimi anni, tolti i fioretti. La crisi della Flamingo ,che è tutta la stagione che tira nettamente al di sotto, ha pesato non poco, anche se le altre tre azzurre non sono certamente le ultime arrivate, e questo conferma quanto tutta la stagione sia sorprendente e stride non poco con le vittorie della Navarria per esempio. Non è infatti la gara odierna ad aver fatto fuori le azzurre. Peccato perchè fino a inizio stagione era arma anche da medaglia nella prova di squadra. La speranza è che la Flamingo continui la preparazione ai Giochi senza intoppi, mi auguro che possa invertire il trend negativo. Di sicuro dovranno fare qualche riflessione, e magari qualche decisione, a prescindere da ciò che stanno combinando e spero combineranno allo stesso modo i maschi.

Lascia un commento

Top