Rugby, Sei Nazioni 2016, Parisse: “Sono deluso, non possiamo giocare solo 50 minuti”; Brunel: “Abbiamo pagato gli infortuni del primo tempo”

Parisse_Rugby_Fotosportit_Fir-e1454587748781.jpg

Al termine della sfida con l’Inghilterra, il capitano dell’Italia Sergio Parisse è intervenuto ai microfoni di DMAX: 
Mi sento deluso, prendere 40 punti così fa male. Non è accettabile abbassare l’attenzione e la concentrazione così dopo 50 minuti. Ora solo testa bassa ed iniziare a lavorare per la Scozia. Eravamo in partita fino al 50′, poi è arrivato l’errore dei ragazzi che hanno voluto contrattaccare. Ma a me piacciono, da questi errori si impara. Dopo quella meta a livello mentale abbiamo sofferto ed è stata molto dura. Sono quel tipo di mete che non sono costruite, è stato un errore di gestione nostro. Non bisogna mettere la croce su Mattia e Leo (Bellini e Sarto ndr), abbiamo perso come squadra e le responsabilità sono di tutti.
“Non eravamo distanti da loro,– prosegue Parisse nella spiegazione di cosa è mancato all’Italia- ma è inutile dirlo quando all’80’ ne hanno fatti 40. Dovremo renderci conto di non poter giocare sol0 50 minuti, avremo l’obbligo di mostrare un’altra faccia contro la Scozia. Sarà un’altra guerra e dovremo assolutamente vincerla.”

 

Anche il CT Jacques Brunel è intervenuto ai microfoni di DMAX al termine della partita: “Durante il primo tempo abbiamo affrontato bene questa squadra, poi gli inglesi ci hanno messo sotto pressione, hanno fatto un gioco abbastanza semplice e nella ripresa abbiamo avuto frenesia. Dobbiamo imparare a gestire meglio queste situazioni e a rimanere più a lungo a contatto nel punteggio. Ci sono due cose che hanno cambiato la partita: i quattro giocatori infortunati nel primo tempo e la gestione della pressione. Non abbiamo gestito bene il gioco al piede e abbiamo sofferto troppo la pressione dell’Inghilterra”.
Con una panchina più lunga sarebbe cambiato qualcosa? “Non so se con una panchina più lunga ed esperta potevamo restare in partita, ma i tanti infortuni ci hanno condizionato facendoci perdere freschezza anche nel finale”

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Fotosportit/FIR

Tag

Lascia un commento

Top