Pallanuoto: quali innesti per il Settebello verso Rio? Da Fondelli a Velotto

FIN_07_03_A4S00051-e1428501905151.jpg

Si sono conclusi da poco, purtroppo in negativo per il Settebello, gli Europei di pallanuoto maschile a Belgrado. Sandro Campagna ora dovrà trovare la giusta soluzione per portare la sua squadra alle Olimpiadi di Rio 2016, passando per il preolimpico di Trieste. Dando per scontata la qualificazione, non si potrà andare in Brasile soltanto per partecipare: ai Giochi gli azzurri dovranno puntare ad una medaglia.

Il ct siciliano dovrà studiare al meglio la situazione in vista dei prossimi appuntamenti. La rosa portata in Serbia non ha convinto a pieno, nonostante sembri quella giusta, soprattutto con l’aggiunta di Christian Presciutti, tornato in azzurro a tre anni di distanza e Michael Bodegas, naturalizzato da poco. Purtroppo però, unita alla grande esperienza in acqua, è mancata la velocità e la fantasia. Arma in più che potrebbe dare un giocatore di classe come Andrea Fondelli: il recchelino, già in nazionale da anni (ha fatto parte anche della spedizione di Kazan), è stato escluso da Campagna nell’ultima competizione, ma l’allenatore azzurro non ha mai chiuso le porte a nessuno. Altro possibile innesto in vista di Rio è Alessandro Velotto: il giovane difensore campano ha già più volte dimostrato di valere la nazionale.

I due sopracitati sono le novità più probabili in chiave olimpica, ma ovviamente Campagna terrà d’occhio il nostro campionato che continua a sfornare sempre novità. Nella BPM Sport Management ci sono Francesco Coppoli e Giacomo Bini, già testati in World League, oltre che Edoardo Di Somma, talento puro pronto ad esplodere. A Brescia Christian ha escluso suo fratello Nicholas Presciutti, comunque sempre pronto a rientrare in azzurri, così come Alessandro Nora e Lorenzo Bruni.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui per mettere “Mi piace” a Pallanuoto Italia

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Deepbluemedia

Lascia un commento

Top