Motocross, Mondiale 2016: la tenacia di Tony Cairoli. Un 4° e 6° posto che sanno di vittoria

Tony-Cairoli.jpg

Le luci del Qatar che hanno accolto la prima tappa del Mondiale di MXGP 2016 lasciano negli occhi degli addetti ai lavori e degli appassionati tanti riscontri. Il primo è quello del rookie Tim Gajser, campione del mondo della MX2, che nel GP di esordio centra una magica doppietta nelle due manche, conquistando i primi 50 punti stagionali ed issandosi in vetta alla graduatoria iridata. Che sia lui, il driver che potrà ripercorrere le stessa gesta di Romain Febvre (secondo nella classifica generale)? Difficile rispondere ad un quesito del genere. Ne poniamo un altro: gli sportivi italiani possono contare sulla classe di un campione come Tony Cairoli?

Ebbene la risposta è senza dubbio affermativa. Il pilota di Patti, reduce da un infortunio in allenamento circa un mese fa, è giunto per il primo round iridato non nelle migliori condizioni e privo di diversi giorni di preparazione, funzionali ad un avvicinamento ottimale al Mondiale. Nonostante queste problematiche Tony ha mostrato carattere gareggiando con coraggio e tenacia per le prime posizioni, in entrambe le manche,  concludendo al sesto e quarto posto gara-1 e gara-2. Due risultati che possono conferire grande fiducia all’otto volte campione del mondo per il significato che rivestono. “E’ stata una grande gara! Siamo arrivati in Qatar senza conoscere le mie reali condizioni fisiche, perchè a causa dell’infortunio di Riola non ho potuto disputare una prova pre-mondiale. Ieri ho cercato di risparmiare le energie e fare una bella qualifica. Oggi con due belle partenze, sono riuscito a finire quarto e sesto, un mezzo miracolo considerato che la vigilia speravo di entrare nei primi 10. Questo risultato oggi vale per me come una vittoria e sono cautamente ottimista per il proseguo del campionato – ha dichiarato Cairoli. (fonte motocross.it).

Purtroppo per il siciliano il calendario fitto di impegni non gli consentirà di trovare spazi di tempo sufficienti per rimettersi in forma velocemente e, pertanto, le prime gare serviranno quasi da training in cerca del recupero fisico ed del feeling con la sua KTM 450 SX-F. Nel prossimo round,  programmato il 6 marzo in Thailandia, sarà necessaria un’altra prova di carattere e siamo certi che Tony non ci deluderà.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

Top