Golf, Willet e Matsuyama sugli scudi nei tornei settimanali. Gli italiani sono sempre in cerca di uno squillo

10425496_866367333395676_9134319621727861562_n.jpg

Conclusa un’altra settimana di tornei con l’Italia ancora a secco di risultati da top 20. Renato Paratore, con il suo 26° posto conquistato all’Omega Dubai Desert Classic, ha offerto la prestazione migliore in casa Italia. Il romano ha scalato ben 24 posizioni con un ottimo ultimo round. Purtroppo manca la costanza nell’arco delle quattro giornate, fondamentale per centrare risultati di prestigio.

Il torneo dell’European Tour è stato vinto da un freddo Danny Willet, al quarto sigillo in carriera nel circuito europeo. L’inglese, con un prezioso birdie all’ultima buca, ha evitato un adrenalinico round di spareggio contro il sempre presente spagnolo Rafa Cabrera-Bello, ed il connazionale Andy Sullivan.

Matteo Manassero, evitato il taglio, non è riuscito a confermare i timidi segnali di ripresa manifestati nel round d’apertura, chiudendo al 59° posto a causa di una disastrosa ultima giornata.

Dall’altra parte dell’Oceano, precisamente a Scottsdale, Hideki Matsuyama ha sorpreso i campioni americani aggiudicandosi il Waste Management Scottsdale Open, ambita tappa del ricco PGA Tour. Il nipponico l’ha spuntata la round di spareggio contro il ben più quotato americano Rickie Fowler, numero 4 del ranking PGA, conquistando così il suo secondo titolo della sua giovanissima carriera.

Tra le donne, nel LPGA Tour di scena ad Ocala in Florida, dominio sud-coreano. Prima gioia in carriera per Ha Na Jang, che trionfa nel Coatest Golf Championship dinanzi alla 19enne canadese Brooke M.Henderson ed alle connazionali In Gee Chun e Sei Young Kim, che condividono il terzo posto con la neozelandese numero uno del ranking Lydia Ko.

Fine settimana deludente per le due italiane impegnate nel torneo statunitense. Giulia Molinaro e Giulia Sergas, 108esima e 103esima, sono state eliminate dal taglio.

Italiani che continuano purtroppo a deludere. Applausi per Mauro Bianco, che ha sfiorato l’accesso al Senior Tour 2016 dell’European Tour nella finale della Qualifying School, disputata a Lagoa in Portogallo. L’azzurro, con il settimo posto, ha mancato la quinta piazza, utile alla conquista della cosiddetta “Full card”, di 3 colpi.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top